Perugia fa scintille ed acceca Trento

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 8, 2015 20:04
Atanasijevic Aleksandar (attacca)

Sir Safety Conad Perugia in attacco con l’opposto Aleksandar Atanasijevic (foto Michele Benda)

Pubblico delle grandi occasioni sugli spalti del Pala-Evangelisti, con la Sir Safety Conad Perugia che di fronte ai propri tifosi accorsi in massa, ha sfatato il tabù degli ultimi tempi in superlega maschile. La Diatec Trentino, giunta in Umbria decisa a far valere il suo valore, la posizione di capolista della classifica e lo scudetto tricolore stampato sulla maglia, ci ha messo un po’ prima di convincersi che non era la sua serata. La sicurezza dei campioni settentrionali si è dovuta scontrare con la cattiveria agonistica dei block-devils che hanno mostrato delle zanne affilate con cui hanno morsicato il taraflex. A fare la parte del leone è stato l’opposto Aleksandar Atanasijevic, che ha fatto il bello ed il cattivo tempo sfoderando un vasto repertorio di colpi. Per quanto riguarda le prestazioni di squadra, da segnalare una prova generosa degli umbri in ricezione, fondamentale che ha consentito di costruire con calma al regista De Cecco, disponendo di ampia scelta di soluzioni. Ancora poco si è visto il muro che sul piano quantitativo è stato annientato da quello rivale, ma la difesa da cineteca ha sopperito bene a questa parziale inferiorità. In avvio Perugia parte concentrata e tiene botta allo scatenato Tzourits con le magie di De Cecco (7-7). Le squadre si alternano al comando e alle incursioni potenti di Lanza risponde un ficcante Kaliberda (13-12). I sorpassi si susseguono ed il primo break arriva su attacco di Atanasijevic (sette punti per lui in apertura) che trasforma una bella difesa di Giovi (19-17). Le occasioni per allungare ci sono, a dimostrazione che i padroni di casa sono molto competitivi, ma in fase di finalizzazione manca quel cinismo che potrebbe consentire lo strappo ed il muro dei settentrionali riporta equilibrio (20-20). Il finale è tutto di marca bianconera che con Kaliberda trovano la continuità per andare in vantaggio. Anche nel secondo parziale le squadre avanzano a braccetto e, malgrado le molteplici murate trentine (sono altre quattro), la furia di Atanasijevic, ben coadiuvato da Fromm, riesce a renderle meno negative (15-15). I trentini però sono molto incisivi al servizio e, nonostante l’inserimento di Fanuli in seconda linea accanto a Giovi, sul fondamentale costruiscono il break che porta prima sul 17-21 e poi a disporre di cinque set-point. Il pareggio momentaneo dei conti è un errore dei locali. Si accende ancor di più il confronto con le decisioni arbitrali ampiamente contestate dai perugini. Il nervosismo rischia di compromettere la lucidità e le occhiatacce sotto rete dei protagonisti, l’ex Birarelli su tutti, fanno capire che gli animi possono essere accesi in un attimo. Il 2-5 d’avvio pare essere un campanello d’allarme e fa ritrovare la concentrazione agli uomini del presidente Sirci che rovesciano in un batter di ciglia (9-6). Stoytchev getta nella mischia De Angelis e fa respirare Antonov e i suoi riprendono a martellare ma il duello prosegue testa a testa (17-17). C’è grande intensità nel gioco, Perugia spreca la palla del +2 e viene punita (22-23), ma il muro di Buti ribalta e porta al set-ball, ce ne sono tre consecutivi ed al terzo tentativo Atanasijevic (altre nove palle a terra) trova il colpo risolutore che vale il due ad uno. Nella quarta frazione è Birarelli a fare la voce grossa con due muri che mettono pressione ai rivali e li fanno affondare (9-2). I trentini perdono la misura mentre i block-devils si esaltano tanto in difesa quanto in attacco allungando il passo (17-7). Un Giovi monumentale in difesa ha dato il meglio di sé e Perugia ha chiuso con una punizione severa e con l’ace di Fromm che ha fatto scatenare la bolgia al Pala-Evangelisti. Il periodo è denso di impegni ma una cosa è certa, gli stimoli non mancano ai bianconeri.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA – DIATEC TRENTINO = 3-1
(25-22, 20-25, 27-25, 25-13)
PERUGIA: Atanasijevic 33, Fromm 12, Kaliberda 11, Birarelli 11, De Cecco 4, Buti 3, Giovi (L), Tzioumakas, Dimitrov, Fanuli. N.E. – Holt, Russell, Elia. All. Daniel Castellani e Carmine Fontana.
TRENTO: Tzourits 21, Lanza 15, Solé 10, Van De Voorde 7, Antonov 5, Giannelli 5, Colaci (L), Mazzone D., Bratoev, De Angelis. N.E. – Mazzone T., Nelli. All. Radostin Stoytchev e Dario Simoni.
Note – Spettatori 3’327.
Durata dei set: 30’, 29’, 34’, 27’,
Arbitri – Luca Sobrero (SV) e Diego Pol (TV).
SIR (b.s. 16, v. 2, muri 8, errori 7).
DIATEC (b.s. 13, v. 4, muri 14, errori 10).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 8, 2015 20:04