Alessandro Franceschini: «Esordio emozionante a Perugia»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 18, 2016 15:00
Franceschini Alessandro (palla)

Alessandro Franceschini (foto Michele Benda)

Giornata strana la seconda di ritorno della Superlega che ha mandato in diretta televisiva un confronto per nulla avvincente. Talvolta le scelte operate nelle stanze dei bottoni sono di difficile comprensione, talvolta è addirittura impossibile. Sta di fatto che la Sir Safety Conad Perugia ha incassato una vittoria sin troppo agevole contro il fanalino di coda Milano, che a parte la rappresentanza di una piazza importante come quella meneghina è apparsa squadra di categoria inferiore. Tre punti facili per i block-devils che hanno approfittato delle difficoltà altrui per migliorare la classifica ed avvicinare la vetta. Superata Verona che ha portato al tie-break la capolista Modena, avvicinata Trento (ad una lunghezza) che ha faticato oltremodo per avere ragione di Padova. Anche per Civitanova Marche non è stata proprio una passeggiata contro l’altra cenerentola Piacenza, ma l’intera posta è riuscita a raccoglierla. Problemi di concentrazione forse, Delle squadre di vertice solo quella umbra ha effettuato un cospicuo turnover e questo e questo va ad aumentare il suo merito non avendo mostrato esitazioni di sorta con un assetto meno rodato. Il riposo forzato di Kaliberda e quello obbligato di Buti hanno consentito di schierare Fromm sulla banda ed hanno imposto di dare spazio al centro ad Alberto Elia (nella foto) che a fine match ha detto: «Sono molto contento della prestazione e di aver avuto la possibilità di dare il mio contributo. Noi che siamo le secondo linee lavoriamo duramente ed è bello dimostrare che quando siamo chiamati in causa ci siamo anche noi. In una stagione così lunga e faticosa è bello dimostrare di essere sempre utili. Siamo stati un po’ imperfetti e questo ci ha reso un po’ nervosi, potevamo fare meglio ma possiamo attribuire questo aspetto alla tensione accumulata fino a giovedì e poi scaricata nella gara di coppa Italia da dentro o fuori con Verona, probabilmente eravamo un po’ scarichi mentalmente ed abbiamo avuto meno tensione del dovuto. Ma in questo match comunque ci sono tanti lati positivi, perché abbiamo comunque vinto tre a zero. In tutti questi mesi ho avuto fortuna di avere maestri come Birarelli e Buti, che hanno un’esperienza straordinaria. Da loro cerco di imparare, anche se ho trent’anni voglia di imparare e di giocare è sempre tanta». Una giornata senz’altro da ricordare per il centrale umbro Alessandro Franceschini che ha fatto il suo esordio stagionale: «Dico la verità, non pensavo che alla mia età mi tremasse ancora la mano, i tifosi stavano facendo un gran baccano ed ho sentito veramente una grande emozione. Proprio domenica mattina è uscito un articolo nel quale dicevo che sarei stato contento di esordire, è stato tutto un insieme di cose che ha aumentato le aspettative. Mi alleno come tutti i compagni per farmi trovare pronto, spero che ci saranno altre opportunità. Ora andiamo in Germania e vedremo di fare bene, purtroppo non capisco molto la regola della Cev che limita l’iscrizione a referto a soli dodici giocatori. Sarà difficile essere in campo ma comunque sarò pronto ad ogni eventualità». Adesso la formazione bianconera si prepara ad un’altra settimana intensa, si comincia dalla trasferta continentale per l’incontro di Cev Cup che la vedrà protagonista mercoledì (ore 18) contro i tedeschi del Duren. E chi invece sentirà qualche sensazione in più è lo schiacciatore Christian Fromm che a Duren ha giocato dal 2011 al 2012: «Abbiamo fatto bene vincendo tre a zero e senza sprecare energie. Sono contento di essere tornato in campo, dopo l’infortunio ho fatto di tutto per essere pronto in tempi brevi e ora guardo avanti. Adesso si va a Duren, squadra nella quale ho giocato cinque anni fa, è sempre bello tornare in una città dove si è vissuta una parentesi della carriera, sarà emozionante ma non saremo amici stavolta perché dobbiamo vincere».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 18, 2016 15:00