Perugia stronca ancora le speranze di Verona

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 14, 2016 22:30
Russell Aaron (attacco)

Sir Safety Conad Perugia in attacco con lo schiacciatore Aaron Russell (foto Michele Benda)

La Sir Safety Conad Perugia stacca il biglietto per le final four della coppa Italia di fronte al pubblico del Pala-Evangelisti superano per la terza volta in tre anni il quarto di finale che ormai è considerato proibitivo per la Calzedonia Verona. La compagine umbra continua così la sua marcia nella competizione nella quale è stata protagonista già in due occasioni, per i veneti l’appuntamento è ancora rimandato ma sarebbe meglio dire stregato. Gli ospiti dominano per un set, poi lasciano il pallino del gioco ai padroni di casa che ringraziano e chiudono la pratica. A fare la differenza una maggiore precisione in attacco dei block-devils, mentre dall’altra parte della rete è stato fatale forse un gioco troppo volte prevedibile. La sfida attesa e temuta si risolve in favore dei bianconeri locali, trascinati al successo da Atanasijevic e Russell, veri mattatori della serata. La partenza è buona per i padroni di casa che escono dai blocchi con un’esaltante Atanasijevic (4-1). Gli scaligeri provano a rialzare la testa ma muro e difesa perugini sono impermeabili ed il gap cresce (11-5). I veneti fanno fatica a trovare varchi e finiscono per commettere qualche errore, mentre dall’altra parte della rete i bianconeri non fanno concessioni di sorta (15-8). Russell e Birarelli (sei palle a terra e 100% in attacco) controllano e castigati con un punteggio impietoso. Invertiti i campi c’è maggior equilibrio, i sorpassi si succedono ma Russell ha la spalla calda ed infila il break che provoca il primo strappo al time-out tecnico (12-9). coach Giani inserisce Lecat, Bellei e Spirito, ma la situazione non pare avere effetti, se non per i locali che con Kaliberda (cinque volte a segno) vanno sul 18-13. I tentativi ospiti non sortiscono effetti ed è il muro di Birarelli a rincarare la dose. A questo punto Verona per passare il turno deve conquistare quattro set consecutivi (incluso l’eventuale golden set), una condizione che fa giocare il tutto per tutto ai gialloblu. Nel terzo parziale la partenza umbra è diesel e Kovac è costretto subito a chiamare tempo (1-4). I ‘calzettari’ sentono che è il loro momento ed aumentano la cadenza sfruttando la freschezza di Lecat che trova soluzioni vincenti in ogni maniera, un suo ace con l’aiuto del nastro vale il 6-12. La battuta dei perugini non è più tagliente e così Baranowicz gioca di più con i primi tempi di Zingel ed Anzani (11-18). L’ingresso di Tzioumakas non serve a fermare Sander che risulta imprendibile ed accorcia le distanze. Il quarto frangente ha copione diametralmente opposto al precedente, Kaliberda è sempre pungente e gli errori degli ospiti operano una netta spaccatura (16-7). Ormai non c’è più partita e si attende solo il punto finale che arriva su muro di Birarelli. I ragazzi del presidente Gino Sirci vincono ed entrano con orgoglio nella finale e così porteranno in alto il nome di Perugia nell’epilogo della competizione… e la tifoseria può continuare ancora a sognare.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CALZEDONIA VERONA = 3-1
(25-15, 25-20, 19-25, 25-10)
PERUGIA: Atanasijevic 21, Russell 17, Kaliberda 10, Birarelli 9, Buti 5, De Cecco 4, Giovi (L), Tzioumakas, Fanuli. N.E. – Holt, Fromm, Dimitrov, Elia. All. Slobodan Kovac e Carmine Fontana
VERONA: Sander 15, Starovic 12, Zingel 6, Anzani 6, Kovacevic 1, Baranowicz 1, Pesaresi (L1), Lecat 12, Bellei, Spirito, Bucko, Gitto. N.E. – Frigo (L2). All. Andrea Giani e Matteo De Cecco.
Note – Spettatori 2’515.
Durata dei set: 25’, 26’, 27’, 21’.
Arbitri – Fabrizio Pasquali (AP) e Matteo Cipolla (PA).
SIR SAFETY (b.s. 9, v. 7, muri 11, errori 8).
CALZEDONIA (b.s. 14, v. 3, muri 7, errori 12).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 14, 2016 22:30