La Tuum Perugia sbanca Orvieto nel derby

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 21, 2016 01:15
Barbolini Valentina (attacca)

Tuum Perugia in attacco con Valentina Barbolini e Zambelli Orvieto a muro con Giulia Kotlar e Valeria Pesce (foto Michele Benda)

Al termine di un derby umbro più emozionante che bello è la Tuum Perugia a festeggiare, rinnovando le sue ambizioni di vertice in serie B1 femminile con una gara non priva di pause ma comunque concreta. È un segnale di forza che le magliette nere forniscono in un match nel quale non possono contare sull’infortunata Puchaczewski, e sono costrette a riportare Mancuso alle origini schierandola da opposta. Non è tanto il cambiamento di assetto, quanto la tensione a giocare un brutto scherzo alla Zambelli Orvieto che si esprime sottotono e finisce per interrompere la sua serie positiva e perdere l’imbattibilità stagionale casalinga in un Pala-Papini gremito di pubblico. Al fischio d’inizio la partenza bruciante è opera del servizio di Barbolini che porta sullo 0-3, i tre punti di ritardo sono recuperati ed anche i passaggi a vuoto della ricezione riescono ad essere compensati dall’attacco di Rossini (sette palle a terra in apertura) che ribalta (10-7). Le difese a ‘tappeto’ di Rocchi offrono possibilità di allungo ed invece sono le ospiti a trovare un break pesante con Catena che non perdona (13-17). Fastellini rileva Ubertini ma sono le troppe invasioni a rete a punire le rupestri che perdono contatto ed affondano con una ricezione che traballa e nove errori che pesano come un macigno. Invertiti i campi le tigri graffiano il taraflex e con i riferimenti a muro di Tiberi guadagnano qualche lunghezza (12-8). Rossini incide ed infonde coraggio alle gialloverdi ampliando il gap (19-12). Qualche spunto di Mancuso non basta a compensare una situazione fortemente negativa ma i muri di capitan Cruciani riportano fiducia e le distanze si accorciano (23-22). Le perugine mettono il naso avanti e Catena (otto palle a terra) propizia il due a zero con muro di Barbolini, nonostante i tredici errori. La terza frazione comincia con Volpi in regia e Fastellini opposta, mentre capitan Ubertini riprende il suo posto, ma la partenza è ad handicap (1-4). In soccorso arrivano cinque regali perugini ma al primo time-out tecnico a condurre sono sempre le rivali (6-8). Chiavatti riporta ordine in seconda linea e le ‘gemme preziose’ tengono il pallino in mano ma dura poco perché capitan Ubertini accelera e cambia il punteggio sul tabellone (13-12). Perugia si smarrisce un attimo e si ritrova sotto di quattro ma con un colpo di reni rientra in gioco (19-18). La lucidità nel finale non manca e c’è un match-point sul 23-24, il muro Zambelli è presente ed Ubertini prolunga la gara. Il quarto frangente riprende con le perugine che mettono in campo tutta la rabbia per la mancata chiusura (6-11). Le difese si mettono in mostra ma a rete le ospiti non regalano nulla con Mancuso e Mearini che incidono e causano la scollatura (10-18). Finale senza storia con Barbolini sugli scudi e trionfo firmato da una monumentale Catena.
ZAMBELLI ORVIETO – TUUM PERUGIA = 1-3
(21-25, 25-27, 27-25, 18-25)
ORVIETO: Rossini 17, Kotlar 10, Ubertini 7, Tiberi 5, Sabbatini 4, Pesce 1, Rocchi (L), Fastellini 11, Volpi 2, Iacobbi 1. N.E. – Escher, Serafini. All. Gian Luca Ricci e Marco Gobbini.
PERUGIA: Catena 26, Barbolini 16, Cruciani 11, Mearini 8, Mancuso 8, Baruffi 2, Chiavatti (L1). N.E. – Ragnacci, Cicogna, Di Romano, Puchaczewski, Santibacci (L2). All. Fabio Bovari e Daniele Panfili.
Arbitri: Vincenzo Emma e Claudio Spartà.
ZAMBELLI (b.s. 7, v. 4, muri 13, errori 24).
TUUM (b.s. 8, v. 6, muri 11, errori 25).



Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 21, 2016 01:15