Emanuele Birarelli: «Perugia si farà trovare pronta alla sfida»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 1, 2016 14:30
Birarelli-Kovac

Emanuele Birarelli e Slobodan Kovac

Fine settimana intenso quello al via per la Sir Safety Conad Perugia. A partire da oggi e fino a tutto lunedì Kovac farà sostenere alla squadra quattro allenamenti tecnici sul parquet del Pala-Evangelisti e due sedute atletiche in sala pesi. L’obiettivo dello staff tecnico bianconero è quello di sviluppare più possibile il lavoro tecnico-tattico sul campo, di provare e riprovare situazioni di gioco e singoli fondamentali, di ripetere movimenti all’interno del campo (in particolare nella correlazione muro-difesa) per assimilarli e farne degli automatismi oliati. Perché mercoledì, come ha detto giustamente Emanuele Birarelli, c’è un po’ lo spartiacque della stagione di Perugia, il match senza appello, ma anche la possibilità, violando la tana di Verona, di superare il turno. Stanno rispondendo presente i ragazzi del presidente Sirci. Tutti a disposizione in questi giorni, tutti apparsi molto concentrati sull’obiettivo, tutti animati dal desiderio di riscattare la sconfitta di gara-quattro. Dopo l’iniziale e fisiologico scoramento, stanno riprendendo il loro abituale entusiasmo anche i Sirmaniaci che hanno già completato al momento un pullman per la trasferta del 6 aprile. Ma diversi altri sono i tifosi che vogliono essere presenti a Verona per dare una mano ai ragazzi in campo che si organizzeranno con mezzi propri o, in caso di raggiungimento dei posti, con l’organizzazione di un secondo pullman. Alla squadra non è mai mancato in questi anni il sostegno del pubblico perugino e così sarà anche in gara-cinque! Tornando a faccende del taraflex, e dando ovviamente come evidenti gli aspetti tecnici che dovranno funzionare al meglio al Pala-Olimpia, i perugini non potranno assolutamente sbagliare nell’atteggiamento. Gara-cinque sarà anche e soprattutto una battaglia di nervi, dove l’emotività del momento renderà complicato un gesto tecnico magari apparentemente semplice, dove il fattore campo sarà avverso. Per cui l’atteggiamento, non solo quello iniziale, sarà decisivo. Sarà decisivo avere la capacità di sfruttare l’onda emotiva dei momenti positivi. Sarà necessario evitare ‘imbarcamenti’ in quelli negativi. Sarà soprattutto necessario avere coraggio. Che non vuol dire incoscienza, ma bensì valutare bene e con sangue freddo quando, come e dove rischiare. Si gioca a pallavolo, e quindi far bene il bagher ed il palleggio conta, ma probabilmente mercoledì prossimo la gara si deciderà a favore di chi sarà più lucido nella gestione di certi palloni, alcuni dei quali andranno anche ‘forzati’. Perché il rischio, l’imponderabile, fanno parte dello sport. La cosa più importante per Perugia e per i block-devils adesso è prepararsi al meglio. C’è tempo per poterlo fare, c’è tempo per poter smaltire le tossine delle ultime due sconfitte, c’è tempo per poter rigenerare adrenalina e motivazione. C’è ancora tempo per girare dalla parte giusta questa stagione. Tra gli atleti di lungo corso ad altissimi livelli ed avvezzo a vivere situazioni emotive come quella attuale, dove mantenere i nervi saldi è determinante c’è il centrale bianconero Emanuele Birarelli che focalizza i punti cruciali dove indirizzare le energie di questi giorni: «Questi giorni vanno usati bene, mercoledì è ancora lontano e dobbiamo sfruttare a dovere il tempo che abbiamo. Anche Kovac ci ha chiesto la massima disponibilità negli allenamenti, compatibilmente con i piccoli problemi fisici, senza risparmiarci per gara-cinque. La squadra già da ieri si è messa al lavoro di buona lena». L’esperto atleta di origine marchigiana descrive senza problemi la ‘temperatura’ dello spogliatoio bianconero. «Avevamo la chance per chiudere e non lo abbiamo fatto. Per questo siamo incazzati e ci sta, ma abbiamo anche tanto spirito di rivalsa. È giusto che sia così ed è il clima che ci vuole per preparare una partita spartiacque per questa stagione. Stagione che per noi è stata sempre altalenante e si sapeva che questo quarto di finale sarebbe stato equilibrato. Perciò non deve essere, e non lo è, un problema giocarci tutto iallo spareggio, dobbiamo accettare serenamente il fatto che a decidere la serie sia la bella. Mi sta bene, accettiamo la sfida contro una squadra di alto livello su una partita secca, equilibrata, dove bisognerà combattere fino all’ultima palla». Ed alla fine il discorso scivola inevitabilmente sullo spareggio di mercoledì prossimo. «La storia di questa stagione e di questa serie dimostra che le differenze sono minime e che vale tutto. Per cui mi aspetto ogni possibilità, anche di andare ancora al quinto set, è una possibilità concreta visti i precedenti. Ripeto, accettiamo la sfida. Dobbiamo farci trovare pronti a lottare per vincere gara-cinque e passare in semifinale. Perché alla fine dei giochi conta chi passa il turno e non come lo ha passato».
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 1, 2016 14:30