Perugia, la tifoseria è già da champions league

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 14, 2016 16:30
Sir Safety Conad Perugia (striscione)

lo striscione dei Sirmaniaci a sostegno della Sir Safety Conad Perugia (foto Michele Benda)

Non si spegne l’eco della straordinaria vittoria colta dalla Sir Safety Conad Perugia al Pala-Evangelisti. La tifoseria perugina si era preparata in maniera scrupolosa per l’appuntamento con la storia. Dentro all’impianto, ma anche per chi stava dietro al teleschermo, si udivano solo i cori dei sostenitori dei block-devils. Nel martedì sportivo gli sportivi umbri si sono distinti per creatività ed ironia. Le telecamere hanno indugiato sugli oltre quattromila supporters ‘incalliti’ che hanno predisposto gli striscioni inneggianti ai propri beniamini, nonché ai due temi dominanti del momento. Un mega striscione lungo metà della curva con la scritta ‘E tutti quanti bisogna cantare’ che si può ben dire sia stato seguito alla lettera. Brividi da play-off che hanno coinvolto anche coloro che normalmente non sono habitué dell’impianto di Pian di Massiano (e ce n’erano tanti), e che hanno addirittura catturato l’attenzione dalla stampa che normalmente segue le vicende del calcio. Una curva da inchino è stata definita quella dei Sirmaniaci. Le emozioni della partita sono state moltiplicate anche dai cori della moltitudine di supporter in maglia bianca che più di una volta ha ripetuto a gran voce lo slogan: “10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1, fino alla fine forza Perugia”. Anche i giocatori hanno sottolineato l’importanza del sostegno ricevuto dai propri tifosi che hanno impressionato favorevolmente tutta Italia. Tralasciando le note di colore, però, bisogna anche dire che la trasformazione della squadra diretta da Slobodan Kovac è stata diametralmente opposta all’involuzione di quella marchigiana. Sino a una settimana fa erano più i dubbi che le certezze nel collettivo umbro ma nel giro di tre giorni capitan Buti e compagni hanno acquisito una straordinaria fiducia nei propri mezzi ed hanno praticamente trasferito con una magia tutte le preoccupazioni ai più quotati avversari. Sul sue a zero c’è alla portata un primo obiettivo stagionale, quello di centrare la qualificazione per la champions league, un diritto che viene riservato alla vincitrice dello scudetto, alla prima classificata nella stagione regolare ed alla finalista dei play-off. Sarebbe anche l’unica porta d’accesso per l’Europa dato che in coppa cev va la vincitrice della coppa Italia (Modena) e in  challenge cup va la vincitrice dei play-off per il quinto posto (che si stanno disputando). Nel frattempo la squadra umbra è tornata ad allenarsi dopo il giorno di riposo concesso dallo staff tecnico e ora, come sempre nella vita e nello sport, si mette tutto in un cassetto e si riparte da zero. Sì, perché prende il via il lungo avvicinamento verso la terza sfida della serie, in programma giovedì 21 aprile. Una settimana esatta, buona per la squadra per rifiatare dopo sei giorni micidiali (l’ultima contro Verona e le prime due contro Civitanova), per lavorare con un pizzico di serenità, per mettere in circolo nuova adrenalina e carica agonistica, per riordinare le idee su quello che sarà necessario fare dal punto di vista tecnico-tattico, per lavorare con meticolosità sulle situazioni dove la squadra può fare meglio. Con gli allenamenti che saranno seguiti da un numero sempre crescente di fedelissimi che adesso ci credono più che mai.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 14, 2016 16:30