Perugia smonta la cucina a Civitanova Marche

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 9, 2016 21:09
Kaliberda Denys (attacco)

Sir Safety Conad Perugia in attacco con lo schiacciatore Denys Kaliberda (foto Michele Benda)

Una partita di pallavolo può dare l’impressione di essere proibitiva sulla carta ma poi è il campo a dover parlare. La differenza è stata di soli due punti e la Sir Safety Conad Perugia ha dimostrato di meritarsi la vittoria. I block-devils hanno pagato dazio in ricezione e non sono stati molto incisivi in battuta, ma a muro hanno fatto il diavolo a quattro. Il primo duello di semifinale mette kappao la Cucine Lube Banca Marche Civitanova che ha avuto poche pause, è stata in grado di imprimere forti accelerazioni, ma alla fine dei conti ha avuto meno coraggio della rivale. I perugini hanno spadroneggiato con Aleksandar Atanasijevic (mvp della gara) assoluto protagonista in attacco. Si può ben dire dunque che la gara gli umbri l’abbiano vinta a muro ed in difesa, ago della bilancia in molte occasioni. Nel sestetto iniziale i padroni di casa hanno Stankovic al centro, tutti gli annunciati tra gli ospiti con Atanasijevic che si becca subito una bella dose di fischi, tanto per far capire chi è l’uomo più temuto del pomeriggio. Pronti, via, i civitanovesi sbagliano qualcosa mentre i perugini sono infallibili e guadagnano un piccolo break (6-9). L’unico fondamentale umbro a faticare è la ricezione che comincia ad andare in affanno e sull’ace di Cebulj il punteggio torna in asse (11-11). Le accelerazioni marchigiane sono letali e Juantorena porta al comando i suoi, complici le prime sbavature perugine (18-15). Sul secondo turno al servizio di Cebulj che piazza un altro punto il ritardo si fa pesante (23-18). Entrano Elia e Tzioumakas ma non serve ad evitare il vantaggio su cui pesano i nove regali dei block-devils. Alla ripresa è spalla a spalla sino al 6-6, De Cecco effettua scelte obbligate ma è preciso e manda a segno i suoi, quattro punti consecutivi di Atanasijevic (otto palle a terra nel set), di cui due a muro, segnano il 7-13. I ‘cucinieri’ paiono in bambola e non riescono a colmare il gap, Russell firma l’uno pari. Il terzo frangente è col coltello tra i denti, Perugia va a più tre ma viene subito stoppata (10-8). A far cambiare marcia agli uomini di Kovac è ancora Atanasijevic che dà la scossa e dopo la sospensione tecnica innesta il turbo, i locali si disuniscono e beccano sette muri, quelli di Buti, De Cecco e Birarelli scrivono il rassicurante 19-23. Il due ad uno infiamma la curva dei Sirmaniaci e ammutolisce i tifosi di casa. Nel quarto periodo coach Blengini getta nella mischia Fei che con un eloquente cinque su cinque fa guadagnare un piccolo margine ai suoi (11-8). Anche Podrascanin e Priddy, partiti dalla panchina, danno nuova linfa alla squadra locale (17-12). Agli umbri mancano le energie per reagire ed il verdetto è rinviato. Al tie-break c’è grande agonismo nel rettangolo, Fei continua ad essere imprendibile ma Atanasijevic risolve palle difficili alla sua maniera (7-7). A far mettere il naso avanti a Perugia è un ace ed un contrattacco firmati Atanasijevic (10-12). Allo sprint la Sir ha due palle-match, la prima la spreca Buti gettando in rete la battuta, la seconda è una invasione di Juantorena e fa esplodere il boato dei tifosi perugini.
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA = 2-3
(25-20, 20-25, 22-25, 22-25, 13-15)
CIVITANOVA MARCHE: Juantorena 20, Miljkovic 10, Cebulj 8, Stankovic 8, Cester 6, Christenson 1, Grebennikov (L1), Fei 9, Priddy 8, Podrascanin 6. N.E. – Parodi, Vitelli, Corvetta, Kovar (L2). All. Gianlorenzo Blengini e Giancarlo D’Amico.
PERUGIA: Atanasijevic 30, Kaliberda 15, Russell 10, Birarelli 9, Buti 5, De Cecco 3, Giovi (L), Elia, Tzioumakas, Fromm. N.E. – Fanuli, Dimitrov, Holt. All. Slobodan Kovac e Carmine Fontana.
NOTE – Spettatori 3’759. Incasso 41’300 euro.
Durata dei set: 28’, 29’, 31’, 27’, 18’.
Arbitri – Stefano Cesare (RM) ed Omero Satanassi (RA).
LUBE BANCA MARCHE (b.s. 24, v. 8, muri 9, errori 7).
SIR SAFETY CONAD (b.s. 18, v. 5, muri 13, errori 11).








Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 9, 2016 21:09