La polemica sul Pala-Evangelisti si allarga

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 15, 2016 14:00
Pala-Evangelisti (campo)

una visuale d’interno del Pala-Evangelisti (foto Michele Benda)

Scoppia un’altra grana sul Pala-Evangelisti. Dopo le recriminazioni della Sir Safety Conad Perugia che ha minacciato di trasferire la squadra di pallavolo, ora è la Cgil a puntare il dito sull’amministrazione comunale e sull’appalto per la gestione del Pala-Evangelisti. «Siamo fortemente preoccupati per la situazione che si è determinata nell’appalto per la gestione degli impianti sportivi del Comune dopo l’acquisizione dello stesso da parte della società Kronogest, che si è aggiudicata la gara con un sostanzioso ribasso e ha ridotto il numero di addetti rispetto alla precedente gestione». La denuncia arriva da Mauro Bucarini del sindacato di categoria Slc-Cgil Umbria, che insieme a Eros Cozzari (Ufficio Vertenze Cgil Perugia) segnala «le gravi difficoltà che stanno interessando i lavoratori rimasti impiegati, attualmente otto, di cui solo sette però operativi sugli impianti, ovvero Palasport Evangelisti, Palasport Pellini e Stadio Santa Giuliana. Un numero evidentemente insufficiente, certamente non in linea con le condizioni del bando di gara, che ha prodotto e produce conseguenze pesanti non solo sui lavoratori, costretti a ritmi e orari insostenibili, ma anche sulla stessa qualità del servizio e degli impianti sportivi, come peraltro dimostra il caso Sir. A fronte di questa situazione l’azienda però non ha risposto alle numerose richieste d’incontro da parte nostra ed inoltrate anche al Comune; da mesi chiediamo inutilmente un confronto con la Kronogest, che però fino ad ora si è sottratta, tanto che stiamo valutando anche una possibile azione per comportamento antisindacale».
(fonte La Nazione)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 15, 2016 14:00