Perugia ha quattro assi alle Olimpiadi

Pianeta Volley
By Pianeta Volley agosto 19, 2016 17:36
Sir Safety Conad Perugia (Olimpiadi)

i quattro protagonisti della Sir Safety Conad Perugia alle semifinali delle Olimpiadi di Rio 2016

Emanuele Birarelli, Simone Buti e Ivan Zaytsev da una parte, Aaron Russell dall’altra. Quattro moschettieri della Sir Safety Conad Perugia si giocano un posto nella finale olimpica. Senza dimenticare lo splendido percorso fino ai quarti di finale dell’Argentina del regista De Cecco. Un vanto davvero per il presidente Sirci e per tutta la società, per i tantissimi tifosi bianconeri, per la città di Perugia stessa. Una cosa di cui andare fieri ed orgogliosi. Eppure… alcuni seduti in quei divani perugini non capiscono nemmeno l’immensa portata di questa giornata. Non apprezzano i mille sacrifici fatti e da fare per costruire una squadra del genere. Non si curano del fatto che tutti questi campioni, applauditi dall’altra parte dell’oceano nel teatro sportivo più importante in assoluto, si meriterebbero anche a Perugia un teatro altrettanto degno dove poter offrire spettacolo ai tifosi. È questo il senso più vero e profondo della quarta tribuna. È come ammirare una bellissima donna e volerle vedere indossato il vestito migliore per esaltarne ancora di più la bellezza. La tribuna retrattile? Costa troppo. Allora quella fissa, certamente di minor costo? Non si può, chissà perché. La musica, una musica davvero triste, è sempre quella, la verità è che questi grandi atleti, che stanno facendo apprezzare Perugia nell’Olimpo dello sport, meritano ben altro. Oggi è il giorno in cui è obbligatorio tifare. Tifare per l’Italia ovviamente, il caro Aaron capirà. Sperando magari che Ivan Zaytsev spari ancora un servizio a 127 km/h come fatto contro l’Iran, il più veloce della storia delle Olimpiadi. Ma oggi è anche il giorno per urlare ancora, per l’ennesima volta, tutta la frustrazione e la rabbia verso chi non capisce l’importanza della pallavolo a Perugia. Il volley, di tutte le discipline olimpiche, è risultato essere di gran lunga lo sport più ‘cliccato’ in Italia nei social. Italia-Iran, il quarto di finale vinto in tre set dagli azzurri, è stato visto da quasi quattro milioni di persone con uno share medio del 27,40% e dei picchi fino al 36,80%. Tradotto in soldoni, il volley qui da noi è lo sport più popolare. Vorrà pur dire qualcosa? Bisogna agire! La pallavolo e Perugia lo meritano!
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley agosto 19, 2016 17:36