San Giustino, sconfitta con rimpianti a Cesena

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 13, 2016 23:30
Cesena-S.Giustino

un momento della gara di serie B1 femminile tra Volley Club Cesena e Sia Coperture San Giustino

Un punto preso, il primo della stagione conquistato in trasferta, ma almeno due gettati alle ortiche. La sconfitta al tie-break patita dalla Sia Coperture San Giustino nella quinta giornata di serie B1 femminile lascia molto amaro in bocca all’intero staff biancoazzurro, se soltanto si pensa che il primo e il terzo set sono stati persi dopo che la squadra era avanti sulla Volley Club Cesena in entrambe le circostanze per 24-21 e che i due vinti hanno fatto registrare un punteggio alquanto netto. Un pizzico in più di attenzione e le altotiberine sarebbero potute benissimo tornare a casa con in tasca il bottino pieno, al termine di uno scontro diretto che alla fine è durato quasi due ore e mezzo. Il punto riportato dalla Romagna ha l’unico potere di muovere la classifica dopo tre kappao di fila (nonché di tenere proprio le cesenati appena una lunghezza sopra) e sta a dimostrare che comunque sul piano della tenuta mentale e della determinazione la squadra ha compiuto un passo in avanti, ma insegna che nella pallavolo nulla è deciso fino a quando non cade l’ultimo pallone o non si realizza l’ultimo punto. Né l’assenza pesante di Gloria Lisandri e le condizioni fisiche di una Camilla Cornelli che ha resistito fino alla parte iniziale del quarto set, per poi lasciare il posto a una Giada Marinangeli adattata nel ruolo di opposto, possono giustificare più di tanto l’occasione comunque persa per dare la sterzata che serviva anche sul piano psicologico. Se andiamo a leggere i numeri della partita, le umbre hanno le percentuali migliori nei vari fondamentali ma alla fine hanno vinto le padrone di casa, il cui merito è stato quello di saper gestire meglio le situazioni di difficoltà, facendo leva alla banda sulla solita Martina Brina (60% di prolificità) e su altre tre atlete in doppia cifra, le schiacciatrici Silvia Leonardi e Nui Calisesi e la centrale Alice Piolanti. Sul versante sangiustinese, è stata ancora Valentina Barbolini la più pericolosa in attacco, con un eccellente 58% di realizzazione, ma anche Camilla Cornelli, Francesca Rosa, una Giulia Bartolini più efficace e il capitano Martina Spicocchi sono riuscite ad avere efficacia, senza però dimenticare che i bottini personali debbono essere poi rapportati con i cinque set disputati. Il primo set ha visto la Sia Coperture arrivare a un massimo vantaggio di 7-13, con il tentativo di rimonta delle locali che si sono avvicinate riducendo il gap (20-21); black-out di Spicocchi e compagne sul 21-24, fino al ribaltamento del punteggio. Senza storia la seconda frazione, dominata da San Giustino, che ha preso il largo soprattutto dal secondo time-out tecnico (situazione di 16-13) fino all’epilogo. Il terzo set è stato in larga misura la fotocopia del primo, anche se i distacchi in favore delle umbre non hanno quasi mai superato i tre punti. Tutto bene anche in questo caso fino al 21-24, con un errore nella valutazione della traiettoria che è costato caro ma con le sangiustinesi che hanno avuto il grande merito di non crollare psicologicamente ad un finale che avrebbe potuto tagliare loro le gambe. Non solo, al primo time-out della quarta frazione (6-8), Camilla Cornelli ha già abbandonato la scena in luogo di Giada Marinangeli, ma nemmeno la variazione nello schieramento ha influito sugli equilibri; anzi, il vantaggio è progressivamente cresciuto fino al 21-13 ed al rinvio del verdetto al tie-break, nel corso del quale Cesena ha gestito e e si è presa i due punti. Rimpianti in quantità industriale per un risultato che penalizza la squadra, il tecnico Pietro Camiolo ha commentato così: «Abbiamo perso a causa di disattenzioni spesso ingenue, a cominciare da quelle in battuta mentre Cesena ha avuto la capacità di essere più lucida nei momenti topici. È mancata da parte nostra la giusta malizia nell’insistere sui punti deboli delle avversarie. Prendiamo alla fine questo punto, che rimane poco per quanto era nelle nostre possibilità e di positivo metto la voglia di giocare e di non mollare che ho notato nelle ragazze. È stata fatale la deconcentrazione accusata in alcuni particolari momenti».
VOLLEY CLUB CESENA – SIA COPERTURE SAN GIUSTINO = 3-2
(29-27, 16-25, 26-24, 15-25, 15-10)
CESENA
: Piolanti 13, Brina 13, Leonardi S. 12, Calisesi 10, Gardini 7, Bertolotto 3, Fabbri (L), Di Fazio 3, Altini 3, Baravelli. N.E. – Grassi, Ravaioli. All. Andrea Simoncelli ed Edoardo Nanni.
SAN GIUSTINO
: Barbolini 18, Cornelli 13, Rosa 12, Bartolini 12, Spicocchi 11, Lavorenti 4, Krasteva (L), Marinangeli 3, Cosetti. N.E. – Leonardi L., Sorrentino, Lisandri. All. Pietro Camiolo e Claudio Nardi.
Arbitri: Aldo Fogante e Michele Albergamo.
VOLLEY CLUB (b.s. 14, v. 4, muri 9, ricezione 51% (perfetta 21%), attacco 27%, errori 14).
SIA COPERTURE (b.s. 11, v. 10, muri 12, ricezione 51% (perfetta 23%), attacco 30%, errori 31).
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 13, 2016 23:30