La Sir Conad Perugia ridimensiona Ravenna

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 29, 2016 22:28
Sir Safety Conad Perugia (esulta)

l’esultanza della Sir Safety Conad Perugia (foto Daniele Ricci)

Sembra che la Sir Safety Conad Perugia abbia messo le ali. Il periodo di fine anno ha fatto trovare il miglior assetto al team di coach Bernardi che continua a seguire la rotta ideale nella superlega maschile. I block-devils sfrecciano veloci al domicilio della Bunge Ravenna, continuando il loro inseguimento alla vetta della classifica. Lo staff tecnico decide di mandare in campo l’ennesimo sestetto rivoluzionato, relegato in panchina lo statunitense Russell, al suo posto è sceso in campo l’austriaco Berger, salvo poi cambiare idea dal secondo set. La squadra non ha risentito della variazione degli equilibri, ed è apparsa più che mai cosciente di avere a disposizione una marcia in più dovuta alla cattiveria agonistica. Nella vittoria di fine anno c’è la prova corale degli umbri dove si è particolarmente distinto Marko Podrascanin (match winner), il centrale serbo si è espresso ad altissimi livelli. La gara inizia con Lyneel in evidenza ma senza perdere la pazienza gli ospiti recuperano il break e mettono il naso avanti (6-7). Per operare lo strappo bisogna attendere però il turno in battuta di Zaytsev, anche un ace, che produce l’allungo (11-15). Il margine resiste per un po’ ma sul finale è Podrascanin ad evitare di far sentire il fiato sul collo ai compagni sul 19-21. L’ultimo sussulto è di Torres al servizio che porta sul 23-24, a scongiurare il pericolo è Berger. Invertiti i campi il muro umbro fa la voce grossa, dimostrando di essere il migliore del campionato, ma è sempre la ricezione l’anello debole e sul servizio di Torres i perugini affondano beccando quattro punti consecutivi (8-5). L’andamento è ad elastico con continui sorpassi ma Van Garderen è sempre pericoloso ed allora Bernardi spedisce in campo Russell per Berger sul 18-15. È la difesa locale la grande protagonista con le incursioni perugine che non sortiscono sempre effetti ma le quattro lunghezze di ritardo sono annullate con l’ace di Zaytsev (23-23). Allo sprint Perugia annulla tre palle del possibile pareggio e con due muri consecutivi sigla il raddoppio. Nel terzo frangente si lotta alla pari sino a che Podrascanin con tre punti consecutivi riesce a rompere l’inerzia (9-12). È il segnale della resa per Ravenna che viene colpita ripetutamente da Zaytsev, trascinatore con la sua battuta (15-24). C’è da attendere solo la fine che arriva su errore locale, va in archivio così definitivamente il 2016.
BUNGE RAVENNA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA = 0-3
(23-25, 26-28, 17-25)
RAVENNA: Van Garderen 15, Torres 13, Lyneel 10, Bossi 4, Ricci 3, Spirito 2, Goi (L1), Marchini, Grozdanov. N.E. – Raffaelli, Kaminski, Calarco, Leoni. All. Fabio Soli e Giuseppe Patriarca.
PERUGIA: Podrascanin 16, Zaytsev 13, Atanasijevic 11, Berger 6, Birarelli 3, De Cecco 2, Tosi (L1), Russell 4, Buti 3, Mitic, Bari (L2). N.E. – Della Lunga, Chernokozhev, Franceschini. All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
Note – spettatori 3’400.
Durata dei set: 31’, 35’, 25’.
Arbitri – Massimo Florian (TV) e Stefano Cesare (RM).
BUNGE (b.s. 10, v. 3, muri 6, errori 10).
SIR (b.s. 12 , v. 8, muri 8, errori 7).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 29, 2016 22:28