Massimo Caponeri è tornato a Perugia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 15, 2016 13:00
Caponeri-Bernardi

gli allenatori della Sir Safety Conad Perugia Massimo Caponeri e Lorenzo Bernardi (foto Michele Benda)

Nuovo ingresso nello staff tecnico della Sir Safety Conad Perugia. Entra infatti a far parte del gruppo di lavoro di coach Bernardi come assistente allenatore Massimo Caponeri. Per il cinquantaduenne allenatore nato a Chianciano si tratta di un ritorno al Pala-Evangelisti avendo dato il là alla sua carriera nel grande volley proprio a Perugia come assistente allenatore della Rpa per cinque stagioni dal 2001 al 2006 (una in serie A2 e quattro in serie A1, nell’ultima delle quali diventando anche primo allenatore nella seconda parte della stagione) e lavorando con tecnici del calibro di Carmelo Pittera, Fausto Polidori, Park Ki Won, Piero Molducci e Ferdinando De Giorgi. Poi il salto a Macerata proprio come vice di De Giorgi. Nelle Marche quattro stagioni per l’ulteriore crescita di Caponeri con alle dipendenze, dal 2008, l’attuale centrale bianconero Marko Podrascanin. Un anno di stop nel 2010-2011 e poi di nuovo nella massima serie italiana a San Giustino nella stagione 2011-2012 dove affianca prima De Giorgi e poi, nella seconda parte della stagione, Henk Jan Held. Dal 2013 inizia poi il sodalizio con Lorenzo Bernardi che Caponeri segue come vice allenatore prima in Polonia a Jastrz?bie-Zdrój nell’anno 2013-2014 e poi in Turchia ad Ankara nella stagione 2014-2015 (se lo ricordano bene i tifosi bianconeri nei match di champions league di due anni fa). Lo scorso anno ecco una nuova avventura italiana con l’approdo a stagione iniziata in serie A2 come capo allenatore del Chiusi ed ora veste il bianconero per portare la sua esperienza e la sua conoscenza pallavolistica e per assicurare un lavoro ottimale durante la settimana e nella preparazione delle partite. Massimo Caponeri ha fatto il suo esordio e la conoscenza della squadra già martedì pomeriggio e queste sono le sue prime impressioni: «Sono stracontento e molto onorato di essere arrivato in questa società che ormai da alcuni anni è al vertice della pallavolo italiana e non solo. Ringrazio Bernardi, il presidente e tutta la società per questa grande opportunità. In questa avventura spero di portare quel qualcosa che serva per raggiungere gli obiettivi a cui la società ambisce. Questa è una squadra ottima, molto fisica, tecnicamente valida, con grandi individualità e potenzialmente pronta per lottare su tutti i fronti. C’è da compiere degli ulteriori passi avanti e da lavorare, ma è chiaro che per un allenatore è una situazione molto stimolante». Le esperienze all’estero hanno lasciato impronte importanti in Caponeri che però lascia chiaramente intendere quale sia il suo campionato preferito. «Quello italiano è sempre il campionato migliore, dal punto di vista tecnico senza ombra di dubbio. Devo dire che anche il torneo polacco è molto interessate. Là soprattutto c’è tantissimo entusiasmo, ma vedo che qui a Perugia sotto questo punto di vista non manca nulla. In Turchia invece, pur essendoci alcune società molto ricche economicamente, lo scenario generale non è il top, con poco seguito e poco interesse». Il ritorno al Pala-Evangelisti è anche un po’ un cerchio che si chiude. «È vero, Perugia è un po’ nel mio destino. Ho iniziato in questo palazzetto la strada nella pallavolo che conta ed ho tanti buoni ricordi, ma adesso spero soprattutto di averne altri ancora migliori». Rispettando il pronostico ed il fattore campo, Piacenza ieri sera ha sconfitto Molfetta negli ottavi di finale della coppa Italia e sarà l’avversaria da affrontare mercoledì 11 gennaio nel match in gara unica che mette in palio l’accesso alle final-four di Bologna.
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 15, 2016 13:00