San Giustino rialza la testa contro Firenze

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 5, 2016 00:01
Lisandri Gloria (piazza)

San Giustino in attacco con l’opposta Gloria Lisandri (foto Marco Bigozzi)

Non doveva sbagliare la Sia Coperture San Giustino, nel primo importante scontro diretto della lunga serie prevista dal calendario. E non ha sbagliato. Anzi, ha vinto in maniera netta e indiscutibile, chiudendo sul tre a zero in poco meno di un’ora e mezzo di gioco la partita contro la San Michele Firenze. Dopo sei sconfitte di fila, è dunque arrivato il primo successo pieno della stagione, che in un sol colpo fa riguadagnare tre posizioni e riportare in zona salvezza le biancoazzurre, capaci di dominare la situazione dal primo all’ultimo punto con la giusta concentrazione; con i ritrovati colpi dell’opposta Gloria Lisandri e della centrale Francesca Rosa, anche lei in doppia cifra di realizzazione e con una media dell’attacco tornata a sfiorare il 40% collettivo, grazie anche a una ricezione più ordinata. Un’impostazione tattica del match che ha dato i suoi frutti anche e soprattutto nel reparto in cui le fiorentine erano più temibili, ossia al centro. Numeri statistici buoni in qualsiasi voce, ma è il 42% di contrattacco contro il 28% ospite ad aver fatto la vera differenza in campo. Pietro Camiolo continua a rinunciare a Camilla Cornelli, risponde con la diagonale Francesca di zona-due Lavorenti e Lisandri, la coppia centrale Spicocchi e Rosa, sulla banda Barbolini e Bartolini e libero Krasteva. Alessandro Della Balda, l’ex di turno in panchina, non dispone dell’infortunata schiacciatrice Pulcinelli e piazza in posto-quattro Colzi e Ristori Tomberli, mentre al centro ci sono Sacconi e Brandini, in regia la diciottenne Bridi, opposta Cheli e libero Venturi. Fin dalle battute iniziali, si nota che le padrone di casa stanno affrontando l’impegno con il giusto piglio, consapevole dell’importanza rivestita dalla posta in palio, il turno in battuta di Rosa, comprensivo di un ace, porta la situazione sul 5-1 e Lisandri ha già scaldato la mano, mentre piuttosto vulnerabile appaiono le toscane in ricezione e in difesa. Giulia Cheli è l’unica atleta in giallorosso ad avere il braccio pesante e a vanificare di tanto in tanto il lavoro difensivo delle rivali. Un tentativo di riavvicinamento delle toscane sul 9-10, per effetto di un paio di incertezze in ricezione da parte delle padrone di casa e poi il via definitivo con la Barbolini al servizio, break di nove a zero favorito anche dai tanti errori delle avversarie e con di nuovo un paio di ace, poi sul 24-12 c’è un accenno di reazione stoppato dall’attacco vincente di Lisandri. Persistono i problemi in ricezione per la compagine fiorentina anche in avvio di seconda frazione (8-4). Della Balda opera allora il cambio in regia, richiamando Bridi per dare spazio a Martini, anche se ricezione e difesa continuano a essere i punti deboli della squadra, che alla seconda interruzione tecnica è già sotto 6-16 e vede ancora una volta compromessa la sua situazione. Rossi torna al posto di Ristori Tomberli alla banda e Bianciardi rileva al centro Brandini; due mosse, queste, tendenti solo a spezzare il ritmo di un San Giustino più lineare in difesa come in fase di costruzione, che con una tranquilla gestione del punteggio guadagna il due a zero senza patemi. La palleggiatrice Martini e la centrale Bianciardi sono confermate nel terzo periodo che vede Brandini dirottata nel ruolo di opposta. Errori in battuta e attacchi vincenti da una parte e dall’altra producono una iniziale altalena che vede in tre circostanze il San Michele mettere avanti per la prima volta il naso, senza comunque andare oltre il più uno; l’equilibrio si spezza al rientro dal primo time-out tecnico, quando il turno in battuta di Rosa scava un primo divario e l’attacco sulla rete di Cheli conduce sul 16-12. Non c’è più partita nemmeno stavolta, Lisandri mette a segno gli ultimi decisivi colpi e un attacco sulla rete di Brandini pone fine alla contesa, fra l’entusiasmo di una tifoseria locale come sempre impareggiabile e di un ambiente che tanto cercava questa vittoria per poter rialzare la testa. Il tecnico Pietro Camiolo ha più di un motivo per sorridere: «Ciò che abbiamo preparato in settimana è stato poi applicato con successo in partita quindi vuol dire che siamo riusciti nel nostro intento. Dalla battuta fino alla schiacciata, ogni meccanismo ha funzionato bene e do atto alle ragazze di non aver mai allentato la tensione, nemmeno quando avevamo saldamente in pugno la situazione. A dispetto di quanto possano dire i singoli parziali, il San Michele è una squadra da prendere con le molle e allora abbiamo sfoderato l’arma del contrattacco per poterlo superare. Di qui a maggio, quindi, continueremo a insistere proprio sui contrattacchi, che a loro modo costituiscono uno dei grandi segreti di questa disciplina sportiva».
SIA COPERTURE SAN GIUSTINO – SAN MICHELE FIRENZE = 3-0
(25-15, 25-14, 25-17)
SAN GIUSTINO: Lisandri 18, Rosa 12, Barbolini 9, Spicocchi 7, Lavorenti 3, Bartolini 2, Krasteva (L), Cosetti. N.E. – Sorrentino, Cornelli, Leonardi, Marinangeli. All. Pietro Camiolo e Claudio Nardi.
FIRENZE: Cheli 10, Ristori Tomberli 6, Brandini 5, Sacconi 4, Colzi 2, Bridi 2, Venturi (L1), Rossi 3, Bianciardi 1, Martini 1. N.E. – Sabbatini, Tozzetti, Romanelli (L2). All. Alessandro Della Balda e Sergio Travaglini.
Arbitri: Christian Battisti e Giovanna La Rocca.
SIA COPERTURE (b.s. 6, v. 7, muri 6, ricezione 59% (perfetta 38%), attacco 39%, errori 6).
SAN MICHELE (b.s. 11, v. 3, muri 1, ricezione 50% (perfetta 33%), attacco 28%, errori 13).
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 5, 2016 00:01