Guazzaloca e Caponeri descrivono il lavoro di Perugia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 27, 2017 16:30
Caponeri Massimo

Massimo Caponeri (foto Michele Benda)

Fine settimana tra le mura del Pala-Evangelisti per la Sir Safety Conad Perugia. Prosegue il programma di allenamenti per i block-devils che sfrutteranno a pieno il tempo a disposizione per mettere a punto il motore in vista della lunga trasferta di champions league della prossima settimana a Belgorod. La squadra ha intrapreso un cammino importante in questi giorni con molto lavoro tattico per sistemare dinamiche di gioco in alcune rotazioni e per provare soluzioni alternative possibili grazie alla lunghezza della rosa a disposizione di Lorenzo Bernardi. Tutto questo abbinato ad un lavoro fisico di potenziamento in palestra con il preparatore atletico Alessandro Guazzaloca soddisfatto di come stanno lavorando i ragazzi: «Abbiamo ovviamente modificato un po’ il lavoro fisico rispetto al solito ed usato questa settimana per preparare e lavorare in modo più intenso anche in previsione della prossima settimana, nella quale tra la trasferta continentale e poi il match di superlega non potremo praticamente fare molto, e di quelle successive nelle quali avremo sempre match infrasettimanali e molte trasferte. Per cui questo era un buon momento per lavorare su quello che sarà. Abbiamo svolto alcuni test fisici e fatto un corposo lavoro di potenziamento in sala pesi e di rapidità e reattività sul campo, approfittandone anche per andare a lavorare in modo più specifico sulla prevenzione e sulla salute dei giocatori, cosa che con un ritmo di partite molto intenso non si riesce invece a fare in modo approfondito». Da un punto di vista tecnico è invece Massimo Caponeri, assistente allenatore dello staff di Lorenzo Bernardi, a fare il punto della situazione: «Abbiamo lavorato abbastanza bene. È una settimana lunga e ne approfittiamo per cercare di lavorare su alcuni aspetti che non puoi fare in una settimana ‘normale’ quando giochi magari il mercoledì e poi la domenica. Per cui grosse sedute di lavoro tecnico con quantità anche sopra la norma e con la possibilità di gestire senza difficoltà i piccoli e normali problemi fisici. Senza addentrarci nello specifico, abbiamo ritenuto opportuno andare a limare le piccole problematiche che si sono manifestate nell’ultimo periodo, cercando di curare in maniera particolare le situazioni di attacco, la battuta e naturalmente la ricezione, due fondamentali che per noi sono molto importanti e legati uno all’altro».
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 27, 2017 16:30