Per la Sir Conad Perugia è ancora stregata Modena

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 22, 2017 20:43
Russell Aaron (attacco)

Sir Safety Conad Perugia in attacco con Aaron Russell (foto Michele Benda)

Prima del fischio d’inizio le opposte tifoserie, gli Irriducibili gialloblu ed i Sirmaniaci, hanno steso insieme uno striscione gigante con la scritta “la terra continua a tremare ma i nostri angeli ci sono sempre” riferito all’opera encomiabile dei vigili del fuoco impegnati nelle zone colpite ancora dal sisma e dal maltempo. In questo clima di grande solidarietà si è svolta la ventesima sfida della superlega maschile che ha visto maturare la quarta sconfitta stagionale della Sir Safety Conad Perugia che è partita determinata ma alla distanza si è disunita. Al Pala-Panini, tempio del volley italiano, c’è il pubblico delle grandi occasioni e anche duecento tifosi bianconeri a cercare di sostenere la squadra contro la nemica giurata Azimut Modena che si rivela cinica ed ha la meglio in cinque set. Nello starting-seven gli emiliani scelgono Piano al posto di Le Roux, gli umbri rispondono schierando Berger al posto di Russell sulla banda. Il tecnico Lorenzo Bernardi a pochi minuti dal match aveva ricordato: «La battuta sarà importante ma non bisogna strafare perché si rischia di sbagliare troppo». E si può ben dire che il concetto sia stato profetico perché Modena ha fatto la differenza dai nove metri, scoprendo il fianco alla ricezione dei block-devils, anello debole della squadra. In partenza i padroni di casa appaiono molto concentrati ma Zaytsev mura Vettori e fa capire le sue intenzioni Bellicose. Si avanza spalla a spalla con la battuta che causa i problemi maggiori ed agevola il muro da ambo le parti (13-13). L’ace di Vettori causa il primo break della partita e dà tre punti di vantaggio ai canarini che inseriscono Le Roux e lo sfruttano in primo tempo andando a consolidare (20-16). Alcune buone giocate in difesa rilanciano i perugini che tornano a far sentire il fiato sul collo (22-21). Sul finale è ancora Vettori ad impedire ogni tentativo chiudendo il set con una bomba al servizio. Il secondo set comincia e Russell prende il posto di Berger. Grande nervosismo in campo con le due squadre che protestano vivamente ma stavolta è la battuta di Zaytsev a fare il primo break (6-8). Russell si fa trovare pronto, mura, attacca e procura uno slash che Podrascanin chiude comodamente per l’allungo (8-12). La ricezione umbra fatica moltissimo e De Cecco si deve rifugiare su palla alta con Atanasijevic che viene murato a più riprese e così Bernardi lo sostituisce con Chernokozhev (14-16). Tenendo fede al motto “chi di spada ferisce, di spada perisce” i biancorossi riprendono fiducia e con due super muri ripartono (16-22). Russell è la marcia in più (cinque colpi vincenti) e spinge al pareggio. Nella terza frazione torna in campo Berger che viene schierato da opposto, l’equilibrio resiste, anche grazie agli errori modenesi, sino al 10-10. Perugia non è più efficace come prima in attacco e perde contatto nella fase centrale palesando ancora problemi in ricezione (17-14). Nonostante tutto le distanze rimangono contenute ma non c’è nessuno tra gli ospiti che riesce a ricucire lo strappo e Vettori con l’ennesimo ace firma il due ad uno. Il quarto periodo riprende con la staffetta dei libero nel quadrato perugino e Buti rileva Birarelli. Le Roux continua ad essere ficcante spingendo i locali ma Russell sale in cattedra ed opera il sorpasso (10-12). È l’americano la spina nel fianco degli emiliani che non riescono a trovare il modo di fermarlo e così Perugia va in progressione e rinvia il verdetto. Al tie-break i perugini partono meglio (1-4), ma poi, tanto per cambiare, pasticciano in ricezione e vengono superati al cambio campo (9-7). Il coraggio viene a mancare agli ospiti che subiscono senza mostrare più orgoglio (13-8). C’è solo da attendere la fine che arriva su errore in battuta di Berger.
AZIMUT MODENA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA = 3-2
(25-22, 19-25, 25-21, 21-25, 15-11)
MODENA: Vettori 19, Ngapeth E. 13, Petric 13, Holt 8, Orduna 4, Piano 1, Rossini (L), Le Roux 13, Onwuelo 1, Massari. N.E. – Cook, Ngapeth S., Salsi. All. Roberto Piazza e Lorenzo Tubertini.
PERUGIA: Berger 14, Zaytsev 9, Podrascanin 7, Birarelli 3, Atanasijevic 3, De Cecco 2, Bari (L1), Russell 18, Buti 5, Chernokozhev, Mitic, Tosi (L2). N.E. – Della Lunga, Franceschini. All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
Note – Spettatori 5’200.
Durata dei set: 33’, 27’, 29’, 28’, 18’.
Arbitri – Roberto Boris (PV) ed Alessandro Tanasi (SR).
AZIMUT (b.s. 29, v. 9, muri 13, errori 12).
SIR CONAD (b.s. 23, v. 3, muri 13, errori 8).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 22, 2017 20:43