Simone Buti: «Pala-Evangelisti settimo uomo in campo»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 16, 2017 12:30
Buti Simone (esulta)

l’esultanza del centrale Simone Buti per la vittoria della Sir Safety Conad Perugia (foto Michele Benda)

Dopo aver inghiottito diversi rospi adesso la Sir Safety Conad Perugia ha mangiato il tiramisù. Adesso la stagione dei block-devils potrebbe prendere davvero una piega differente. Malgrado la sconfitta patita col Piacenza mercoledì, i bianconeri sono rimasti compatti e nella sfida col Trento non hanno deluso, strabiliando un Pala-Evangelisti tutto esaurito con una vittoria nettissima per tre a zero. Un successo convincente, che ha fatto conquistare ai perugini la seconda posizione della classifica e che ha prevalso su una big. È la prima volta nella stagione che accade e questo è un buon segnale soprattutto per chi ci aveva sempre creduto e l’attendeva trepidante come il presidente Gino Sirci: «Dopo la scellerata eliminazione dalla coppa Italia ci siamo caricati ed abbiamo messo in campo più rabbia. Qualcuno la doveva pagare ed è toccato a Trento che è stata la prima a capitare sotto le nostre grinfie. Questo è l’atteggiamento giusto per arrivare lontano, se giochiamo così possiamo rendere la vita dura a tutti. Attendiamo la decisione della Cev per sapere se saremo noi ad organizzare la champions league a Roma». Da questo punto di vista è tutto pronto nella società sportiva che ha già predisposto con meticolosità l’eventuale assegnazione dell’avvenimento inserendo in organico un elemento d’esperienza come Stefano Recine, il popolare Cisco ex direttore sportivo della plurivittoriosa Macerata – Civitanova Marche. Che la gara di domenica sia stata frutto di una reazione collettiva lo ha detto anche il libero Federico Tosi: «Questa era una di quelle partite belle da giocare. Cerchiamo di lavorare forte per arrivare a lottare per qualcosa d’importante, era una partita delicata per me, ci ho messo tutto quello che avevo dentro e sono contento del successo. Da mercoledì sera avevamo detto di non piangerci addosso e di guardare avanti perché ancora rimangono due importantissimi obiettivi». Sorpassati i trentini ora nel mirino c’è la capolista Civitanova Marche che sarà prossimamente ospite a Perugia, ma prima di allora ci sono altre partite durissime con Belgorod e Modena. Segnali di  buon auspicio per il centrale Marko Podrascanin: «La risposta perfetta, abbiamo controllato la partita e ci siamo presi i tre punti. Bisogna sempre essere positivi, ora proveremo a prendere il primo posto. Dagli ultimi due mesi la mentalità della squadra è cresciuta e credo che siamo pronti per ogni sfida, peccato per lo scvolone in coppa Italia ma adesso non vogliamo più sbagliare, né in campionato e né in champios league». Segnali che fanno presagire un finale di stagione davvero elettrizzante. Sempre col sorriso in bocca il centrale Simone Buti: «A vedere tutte queste presenze di pubblico e a sentire il coinvolgimento ed i cori dei nostri tifosi viene la pelle d’oca. Non potevamo deluderli. L’insegnamento che ne traiamo è che buona parte dei risultati dipende da noi anche se l’avversaria è fortissima. Bisogna sempre crederci e rimanere concentrati. Faccio nuovamente i complimenti al nostro pubblico che è un vero settimo uomo in campo». Anche il regista Luciano De Cecco si unisce al coro dei compagni: «Ci volevano questa prestazione e questa vittoria. Ci dispiace parecchio non andare a Bologna perché la coppa Italia è una manifestazione alla quale tenevamo tanto e ci è sfuggita. Oggi abbiamo giocato molto meglio, più aggressivi e più sul pezzo. Trento ha sbagliato probabilmente un po’ troppo in battuta, ma bravi noi a vincere quasi tutti gli scambi lunghi. Siamo contenti, ma domani torniamo subito in palestra perché mercoledì c’è un’altra partita molto importante con il Belgorod».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 16, 2017 12:30