Martina Spicocchi: «Una vittoria da sogno per San Giustino»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley febbraio 8, 2017 09:00
Spicocchi Martina

Martina Spicocchi

Da un po’ di tempo, la Sia Coperture San Giustino cullava il desiderio di realizzare l’impresa di stagione contro un’avversaria di caratura superiore. Ebbene, l’obiettivo è stato centrato domenica scorsa a spese del Ravenna, grazie a una prestazione di alto livello dell’intero collettivo, la migliore messa in mostra dall’inizio del campionato, considerando anche chi stava dall’altra parte della rete. E anche in classifica i conti cominciano a tornare. Tutto questo non fa altro che alimentare ulteriore fiducia, come conferma la centrale e capitano Martina Spicocchi: «Prima o poi, una vittoria di questo tipo sarebbe dovuta arrivare e speriamo che non rimanga l’unica; anzi, mi auguro che sia la prima di una lunga serie. Abbiamo dimostrato che siamo in grado di giocarcela anche contro le big di questo campionato; possiamo allora pensare di rosicchiare qualche altro punto importante, non fallendo ovviamente gli sconti diretti». Sono stati evidenziati i tanti errori commessi con Ravenna, ma anche San Giustino avrà avuto i suoi meriti. «C’è un fondamento di verità, nel senso che lo avevamo detto anche alla vigilia, si sarebbe aggiudicata questa partita la squadra che avrebbe sbagliato di meno. Loro di errori ne hanno commessi tanti, noi invece li abbiamo contenuti al di sotto del nostro standard. E già questo è un altro segnale di crescita. Non dimentichiamo poi un fondamentale chiave, i dieci muri vincenti in più rispetto all’Olimpia, ai quali aggiungere le varie palle intercettate sugli attacchi avversari che hanno creato una buona correlazione muro-difesa. Insomma, siamo state tatticamente ordinate e in nostro favore ha giocato anche il fattore psicologico: al contrario delle romagnole, siamo scese in campo senza alcuna pressione, con la testa completamente libera e pensando anche a divertirci». Poi, però, in vantaggio per due set a zero, le sangiustinesi hanno capito che la grande opportunità si stava concretizzando, ma qualcosa è cambiato nel momento in cui sono state raggiunte sul due pari. «Avevamo di fronte una grande squadra, per cui ci ha semmai stupito il fatto di esserci trovate noi in vantaggio. Era pertanto prevedibile una reazione d’orgoglio da parte delle rivali, nella fase in cui mentalmente siamo calate. Per fare nostro il match c’è voluta una migliore organizzazione, una maggiore quadratura e anche una maggiore tranquillità». È stato il quarto tie-break disputato nelle ultime sei partite ed il terzo vinto. «Significa che rispetto a prima riusciamo ad arrivare fino in fondo con una certa lucidità, per cui ci siamo sia fisicamente che mentalmente. E siamo oramai preparate per le battaglie che vanno oltre le due ore effettive di gioco, questa tempra ce la siamo costruita in partita, perché nemmeno il più tirato degli allenamenti è capace di crearla. C’è però un momento nel quale il livello di attenzione comincia a calare, dobbiamo allora limitare al minimo questa pausa e farla passare nel più veloce tempo possibile. Le condizioni ci sono, ora che la squadra è di nuovo al completo, toccando ferro, con il pieno recupero di Camilla Cornelli». Un bel sostegno è arrivato domenica scorsa anche dai tifosi e dal pubblico presente al palasport. «Penso proprio che gli spettatori si siano divertiti, vivendo le emozioni vere che la pallavolo è capace di suscitare e spingendoci verso il successo». Ma è già ora di voltare pagina e di smorzare gli entusiasmi, perché domenica prossima, sempre a San Giustino, arriva nientemeno che l’attuale capolista solitaria del girone, San Lazzaro di Savena. E se la concentrazione tende ad allentarsi, c’è il rischio di non ripetere quella prestazione di livello che si rende ancora una volta necessaria. «Abbiamo voltato pagina fin dalla ripresa degli allenamenti. Il nostro pensiero è già rivolto alle emiliane, che non stanno per caso in testa al gruppo, disponendo di ottime giocatrici che oramai hanno costruito un blocco consolidato e che quindi si conoscono a memoria». Un’altra formazione molto temibile al centro, per cui ci sarà da fare la voce grossa a rete. «Vuol dire che lavoreremo molto in battuta, dove già siamo state ordinate domenica scorsa (appena quattro errori in cinque set, ndr), per fare in modo di limitare dall’altra parte i rifornimenti al centro».
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley febbraio 8, 2017 09:00