Perugia fatica ma passa al tie-break a Belgorod

Pianeta Volley
By Pianeta Volley febbraio 1, 2017 19:35
Russell Aaron (attacco)

Sir Sicoma Colussi Perugia in attacco con lo schiacciatore statunitense Aaron Russell

Vince la Sir Sicoma Colussi Perugia e si mantiene imbattuta in champions league ma continua ad alternare buone cose a momenti di black-out. Nella quarta gara della fase a gironi disputata nella tana della Belgorie Belgorod sono i soliti peccati di gioventù ad impedire la conquista dell’intero bottino ma il primato del girone è consolidato. La squadra del presidente Sirci è entrata in crisi ancora una volta in modo inspiegabile, avanti 21-24 nel terzo set non ha saputo trovare il colpo del kappao ed ha rischiato grosso. In seguito però, con il contributo dei fallosissimi russi (trentanove errori complessivi), è riuscita a portare a casa un’altra vittoria che legittima le final-four della massima competizione europea. La partenza è sprint per gli ospiti che non sbagliano nulla ed aggrediscono subito con Russell praticamente perfetto (avrà il 75% offensivo) andando avanti di un mini-break (5-7). I russi sono molto fallosi in battuta e rendono agevole la fase cambio-palla altrui con De Cecco che si esalta e mette in risalto tutte le sue qualità nonostante la ricezione approssimativa, inclusa una veloce servita in bagher a Podrascanin, che permette l’allungo (16-21). L’attacco di Atanasijevic (sei palle a terra in apertura) non viene mai fermato ed è proprio lui a mettere giù la palla del vantaggio. Al ritorno in campo sono i padroni di casa a fare l’andatura, complici alcuni regali degli uomini in maglia rossa che costringono subito coach Bernardi a chiamare tempo (6-2). La reazione non c’è perché la ricezione continua a faticare (e si becca anche tre ace), sulle conclusioni dell’imprendibile Zhigalov, che mette giù sette palloni, il gap si dilata (15-9). L’ingresso in battuta di Mitic non sortisce effetti mentre quello di Danilov dall’altro lato della rete porta in dote un punto (22-15). Il pareggio è siglato su attacco di Thetyukhin. Nella terza frazione c’è Birarelli in campo al posto di Buti, la partenza è ancora lenta ma bastano un paio di disattenzioni locali per operare il sorpasso con De Cecco pronto a sfruttare una ricezione slash (5-6). Si procede comunque a braccetto con Muserskiy che viene ripetutamente cercato da Marlon e chiude tutti i colpi (15-15). Quando i punti cominciano a scottare i russi gettano ancora nella mischia Danilov al servizio e accelerano (20-17). Nel momento più difficile Belgorod spreca tutto con scelte alquanto discutibili in regia, tanto che Maraguti Yared viene sostituito da Poroshin. L’esperienza di Birarelli è utile alla causa, il capitano fa buona guardia a muro e rovescia stampandone uno in faccia a Muserskiy (21-24). Perugia ha tre palle-set ma le sciupa perché gli viene il ‘braccino’ e non passa più (in totale commette dodici errori), Thetyukhin invece non trema e con quattro punti dei suoi guadagna il due ad uno. Bernardi striglia i suoi ragazzi durante l’interruzione di tre minuti e al rientro la concentrazione è quello giusto (5-9). Stavolta la concentrazione rimane alta e Russell può incidere da par suo (9-15). È lo statunitense la risorsa in più, sia a rete che dai nove metri, amministrando il margine (16-22). L’errore di Kthey rimanda il verdetto. Al tie-break gli italiani prendono il pallino in mano e vanno a girare campo sul 6-8. Podrascanin piazza l’ace del +3, non cambia nulla sino al termine, un ace sporco di De Cecco pone fine al confronto e fa scorrere i titoli di coda.
BELGORIE BELGOROD – SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA = 2-3
(19-25, 25-16, 26-24, 17-25, 11-15)
BELGOROD: Thetyukhin 16, Zhigalov 16, Muserskiy 16, Kthey 9, Smolyar 5, Maraguti Yared 2, Martynyuk (L1), Danilov 6, Poroshin 1, Iereshchenko. N.E. – Fomenko, Snegirev, Kovyryaev (L2). All. Gennady Shipulin ed Alexandr Kosarev.
PERUGIA: Berger 17, Atanasijevic 16, Russell 16, Podrascanin 6, De Cecco 4, Buti, Bari (L), Birarelli 6, Mitic, Della Lunga, Chernokozhev. N.E. – Franceschini. All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
NOTE – Spettatori 5’150.
Durata dei set: 25’, 23’, 32’, 27’, 16’.
Arbitri – Yuri Bakunovich (BLR) e Jorg Kellenberger (GER).
BELGORIE (b.s. 22, v. 6, muri 10, errori 17).
SIR SICOMA (b.s. 15, v. 5, muri 3, errori 12).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley febbraio 1, 2017 19:35