Gino Sirci: «A Perugia serve più intensità»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 21, 2017 14:00
Sirci Gino

Gino Sirci (foto Michele Benda)

Si guarda a gara-due in casa della Sir Safety Conad Perugia, c’è la convinzione che sabato potrebbe essere l’occasione giusta per riscattarsi contro Trento. A caldo il presidente Gino Sirci era apparso afflitto: «Non è stata una brutta partita ma dobbiamo avere più intensità, siamo un po’ mancati nei finali, arrivando mosci a giocarci i punti decisivi dei set, quasi con paura. Loro si sono mantenuti più concentrati nei finali e questo gli ha consentito di vincere tre set. Le squadre sono molto simili, forse la differenza è stata la battuta dove noi dobbiamo essere più continui, senza mai abbassare il nostro livello. Credo che potevamo fare una figura migliore di questa nella prima sfida, ad ogni modo non ci siamo fatti strapazzare e questo significa che siamo in grado di farcela». Non sono solo i tifosi a crederci ma anche i giocatori, il centrale serbo Marko Podrascanin lo ha detto chiaramente: «Siamo pronti per giocarci al massimo questa semifinale, ci siamo preparati con cura e concentrazione per questo appuntamento. Sappiamo che Trento è forte ma anche quali sono le nostre qualità ed abbiamo tanta voglia di arrivare fino in fondo». Per affrontare queste fasi delicate servirà senza dubbio l’esperienza di capitan Emanuele Birarelli che dopo la sconfitta ha dichiarato: «Calma e sangue freddo, noi abbiamo tutte le possibilità per violare questo campo. Ci siamo arrivati vicino e la prossima volta ci riusciremo. Da un certo punto in poi abbiamo battuto con un po` troppa fretta, questo in casa non deve succedere. Sapevamo bene che sarebbe stata una sfida difficile e questo risultato non cambia assolutamente il nostro pensiero». A seguire il duello a bordo campo c’erano tanti addetti ai lavori che se ne intendono, tra questi lo schiacciatore Matey Kaziyski che ha detto: «La serie sarà bella, lunga, e molto combattuta. Si sono affrontate due squadre di livello altissimo livello. Dando vita ad una partita ricca di emozioni. Ma mi ha colpito non solamente l`’aspetto agonistico di questa gara, non solamente la grinta, ma anche il gioco che hanno espresso le due contendenti. Hanno sempre tirato a mille e commesso pochi errori». Il forte atleta bulgaro che gioca in Giappone da due stagioni potrebbe essere l’oggetto del desiderio di molti club, tra cui i block-devils, ma non si è sbilanciato. «Offerte ancora non ne ho ricevute dai club italiani, per ora ho solamente dei contatti, vediamo se si svilupperanno nelle prossime settimane. Al momento non so cosa farò il prossimo anno, dovrò decidere nel giro di un mese, ci sto pensando ma devo considerare davvero tutto. A giugno nascerà mio figlio ed ovviamente devo considerare anche questo nella mia scelta».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 21, 2017 14:00