Perugia e Trento cominciano a studiarsi

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 10, 2017 15:30
Perugia-Trento (inizio)

gli staff tecnici della Sir Safety Conad Perugia e della Diatec Trento (foto Stefano Indino)

Si torna a sudare in casa Sir Safety Conad Perugia. Squadra al Pala-Evangelisti da oggi pomeriggio per una seduta di lavoro fisico e per dare il via al lungo viaggio che porterà i block-devils a gara-uno di semifinale scudetto domenica 19 marzo a Trento. Sarà dunque un avvicinamento graduale quello della squadra del presidente Sirci al primo atto della serie che regala un posto per la finale tricolore. Un avvicinamento che consentirà a Lorenzo Bernardi ed al suo staff di preparare nel modo migliore la partita sotto il profilo tecnico-tattico e che permetterà a Birarelli e compagni di recuperare tossine e piccoli acciacchi per arrivare tirati a lucido sotto l’aspetto fisico. I Sirmaniaci nel frattempo si sono già messi in moto per l’organizzazione dell’esodo verso le dolomiti perché, in un palazzetto finora inviolato per tutta la stagione, la squadra avrà ancora più bisogno del supporto del tifo organizzato bianconero. In attesa di vedere le duellanti una di fronte all’altra, è interessante sviscerare in cifre la loro stagione in Superlega. La regular season è stata decisamente a specchio con le due squadre che hanno chiuso entrambe a 62 punti, entrambe con ventuno vittorie e cinque sconfitte e con i trentini che sono finiti al secondo posto per un quoziente set leggermente migliore (2,62 contro 2,50). Trento ha saputo vincere più volte di tutti senza lasciare set agli avversari, Perugia è, insieme a Civitanova, l’unica squadra ad aver sempre portato a casa almeno un set ogni volta che è scesa in campo. Stesso percorso simmetrico anche nei quarti di finale play-off. Sia Perugia che Trento, rispettivamente contro Piacenza e Monza, l’hanno spuntata in due gare, vincendole entrambe tre a zero. Leggendo i numeri, l’equilibrio risulta ancora più evidente. Gli umbri presentano percentuali leggermente migliori in tutti i fondamentali (sempre però con differenze minime), ma soprattutto viene chiaramente alla luce quella che sarà con ogni probabilità la sfida che vedremo sul rettangolo di gioco. Quella bianconera infatti è formazione molto efficiente in fase break, dove presenta il secondo miglior servizio per efficienza ed il miglior muro (punti per set) della massima categoria nazionale. La squadra settentrionale invece è insieme a Civitanova quella che subisce meno la battuta avversaria e con un cambio palla sempre molto regolare. In un confronto tanto equilibrato sulla carta, è forse eccessivo etichettare Perugia-Trento come la sfida tra la fase break e fase cambio-palla, ma certo è che molto dell’accesso in finale si giocherà lì e chi avrà il sopravvento vedrà crescere esponenzialmente le possibilità di accedere alla finale scudetto.
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 10, 2017 15:30