San Giustino compie un passo salvezza col Cesena

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 5, 2017 23:00
Spicocchi-Cornelli (muro)

Sia Coperture San Giustino a muro con Martina Spicocchi e Camilla Cornelli (foto Giorgio Gammetta)

Un tre ad uno al Volley Club Cesena che, se anche non significa salvezza matematica in serie b1 femminile, di certo è una buona ipoteca per la Sia Coperture San Giustino. La compagine biancoazzurra sale infatti a più undici sulla zona retrocessione e stacca di sette lunghezze la stessa formazione romagnola. Missione compiuta tra le mura amiche con la vittoria piena, quindi, nonostante il finale thrilling del quarto set. Le ospiti partono con la diagonale Bertolotto-Altini, la coppia centrale Piolanti-Gardini, Brina e Calisesi schiacciatrici e Fabbri libero. Il 6+1 altotiberino è quello annunciato con Lavorenti in regia, Lisandri opposta, Spicocchi e Rosa al centro, Barbolini e Cornelli sulla banda e Krasteva libero. All’inizio, le padrone di casa sono più toniche, capitan Spicocchi, autrice di un primo set praticamente perfetto in attacco, comincia fin da subito a pungere con le sue fast e porta sull’8-4, con Brina in prima linea e Bertolotto in battuta (due ace consecutivi) a tenere in piedi la compagine ospite (15-12). Dopo la seconda sospensione tecnica San Giustino prende il largo, con i contributi di Lisandri, Lavorenti a muro e in palleggio e della diciassettenne Leonardi (primo punto per lei in B1, ottenuto al servizio), oltre che della già citata Spicocchi autrice del punto conclusivo con un comodo slash. Anche la seconda frazione sembra ricalcare la falsariga della prima, due primi tempi di Piolanti ed un ace di Brina portano avanti Cesena (4-5), Rosa e Lavorenti replicano prontamente e passano a condurre (9-6). C’è comunque Brina che trascina verso la parità e Cornelli spinge fino al 14-11, momento nel quale San Giustino subisce cinque punti consecutivi, anche a causa di qualche errore e di qualche scelta in distribuzione che riorganizza il muro cesenate. Sul 15-16, Altini fa posto a Leonardi per una breve apparizione caratterizzata da un attacco fuori e da un punto; situazione in equilibrio fino al 18-19, quando la formazione di coach Simoncelli comincia a dominare in difesa e a costruire la vittoria del set, guadagnando un prezioso break di vantaggio e finalizzando per una Brina che riesce sempre a trovare le giuste soluzioni offensive. Un muro vincente su Cornelli firma l’uno pari. Il terzo set, in partite del genere, può rivestire un valore decisivo per l’esito della partita e soltanto in avvio prosegue il piccolo momento di sbandamento delle locali, che sull’ace di Lisandri riprende in mano il controllo della sfida e ricomincia a colpire con le fast di Spicocchi, arrivando al massimo vantaggio (9-5). Il punteggio comincia allora a oscillare a fisarmonica, nonostante San Giustino abbia il merito di guadagnare un margine di sicurezza, lo fa con Barbolini, poi con Lisandri e infine con Cornelli, che piazza il colpo del 16-12. Il ritorno in campo dalla sospensione tecnica vede San Giustino prendere il via con un ace, una fast e un pallonetto di Spicocchi e un altro tocco liftato di Barbolini, trascinano sino alla conquista del due ad uno. In avvio di quarta frazione esce Altini ed entra Di Fazio nel ruolo di opposta. Il tentativo di allungo di San Giustino è subito rintuzzato da Gardini, da un attacco fuori di Lisandri e da una invasione ravvisata dagli arbitri. Forse a causa della stanchezza, Brina comincia a incappare in qualche errore, Cesena non molla va sotto e recupera, come accade anche sui due ace di Cornelli (13-10). Non è finita, Cesena rimane attaccata e con il muro agguanta la parità sul 19-19; Calisesi trova il maligno ace del 21-23. Barbolini riduce le distanze, Brina le ristabilisce (22-24). Entusiasmante l’epilogo, ace di Lavorenti ed infine due implacabili diagonali di Lisandri che la consacrano come migliore realizzatrice della gara e portano soprattutto in dote i tre preziosissimi punti. Mentre sale l’urlo del palasport a indirizzo delle beniamine di casa, riprende fiato in mezzo all’euforia generale il tecnico biancazzurro Pietro Camiolo che dice: «Tre punti che danno molta tranquillità in vista delle prossime partite e sono convinto che d’ora in poi ci divertiremo, migliorando le nostre prestazioni. Quando sentiamo le partite perché dobbiamo far risultato, finiamo con lo stentare nell’esprimere il nostro gioco. Cadiamo in una impasse psicologico che ci fa calare di rendimento, anche se nel finale del quarto set le ragazze sono state bravissime nel capovolgere la situazione per poi aggiudicarsi il successo».
SIA COPERTURE SAN GIUSTINO – VOLLEY CLUB CESENA = 3-1
(25-13, 22-25, 25-17, 26-24)
SAN GIUSTINO: Lisandri 16, Spicocchi 15, Cornelli 13, Lavorenti 11, Rosa 7, Krasteva (L), Leonardi L. 1, Barbolini 12, Bartolini Cosetti. N.E. – Sorrentino, Marinangeli. All. Pietro Camiolo e Claudio Nardi.
CESENA: Brina 20, Gardini 8, Piolanti 7, Calisesi 6, Altini 6, Bertolotto 4, Fabbri (L1), Leonardi S. 3, Baravelli 1, Di Fazio 1. N.E. – Grassi, Ravaioli (L2). All. Andrea Simoncelli ed Edoardo Nanni.
Arbitri: Francesco Aiello e Manuel Gallegra.
SIA COPERTURE (b.s 9, v. 12, muri 10, ricezione positiva 56%, ricezione perfetta 29%, attacco 34%, errori 27).
VOLLEY CLUB (b.s. 6, v. 7, muri 10, ricezione positiva 39%, ricezione perfetta 17%, attacco 30%, errori 42).
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 5, 2017 23:00