San Giustino non regge il passo in trasferta

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 12, 2017 09:30
Barbolini Valentina (attacco)

San Giustino in attacco con Barbolini Valentina ed Orvieto a muro con Mila Montani e Beatrice Valpiani (foto Michele Benda)

La Zambelli Orvieto impone per tre ad uno la propria superiorità in serie B1 femminile su una Sia Coperture San Giustino che ha funzionato a corrente alterna, rispondendo ai primi due set persi con la vittoria nel terzo (ben costruita, anche se alla fine tenuta con i denti) per poi bloccarsi nel quarto dopo essersi trovata in vantaggio. Una sconfitta nel derby regionale del Pala-Papini ci poteva benissimo stare, anche se le brusche pause nelle quali sono incappate le biancoazzurre stanno a dimostrare come questa pecca ricompaia di tanto in tanto, con effetti inevitabilmente letali. I numeri statistici del match indicano esattamente dove la differenza in campo è stata più marcata, se a livello di ricezione il divario è stato contenuto (52% contro 44%, sempre in favore delle locali), in attacco la formazione rupestre si è distinta con un eloquente 40% rispetto al 27% sul versante altotiberino, per non parlare dei punti su contrattacco, che allargano ancora di più la forbice, con ancora un 40% a fronte di un 16%. La regista orvietana Beatrice Valpiani ha dettato legge con scelte che più volte hanno permesso alle compagne di schiacciare contro il muro a uno. La partenza in tutti e quattro i set è con le formazioni annunciate, per Orvieto diagonale Valpiani-Mezzasoma con la coppia centrale Montani-Kotlar, schiacciatrici Guasti e Ubertini e libero la giovane Rumori al posto dell’infortunata Rocchi; per San Giustino Lavorenti palleggiatrice, Lisandri opposta, Spicocchi e Rosa al centro, Barbolini e Cornelli alla banda e Krasteva libero. Avvio positivo per le padrone di casa, non impeccabili in ricezione ma efficaci in fase realizzativa, che vanno al primo time-out tecnico sull’8-3, anche se dall’altra parte della rete si costruisce una graduale rimonta completata sul 14-14, quando però un break rispedisce definitivamente avanti le locali che accelerano i tempi chiudendo il primo set. Nel secondo, equilibrio fino al 9-9, poi le orvietane vanno di nuovo in fuga sul 16-11, gestendo la situazione ed arrivando al raddoppio. Nella terza frazione, partenza ancora ad handicap fino alla prima sospensione tecnica (6-8), dopo la quale le ospiti si riorganizzano e danno il via alla sua migliore parentesi dell’intero match, portandosi a condurre col massimo vantaggio (14-20), una flessione favorisce il riavvicinamento nel punteggio (19-21), con i due attacchi positivi di Cornelli e Lisandri sembra fatta e invece Orvieto arriva a meno uno. A questo punto è l’errore al servizio di Kotlar a spianare la strada per la riduzione delle distanze. Sulle ali del set vinto, la formazione di coach Camiolo prende la spinta per iniziare con il piede giusto la quarta frazione (7-9). È però l’ultima fiammata biancoazzurra, perché il turno in battuta di Valpiani sarà devastante negli effetti, San Giustino subisce un pesante break di tredici punti consecutivi (durante i quali entrano la palleggiatrice Leonardi e la schiacciatrice Bartolini) e solo sul 9-20 l’altra nuova entrata, Marinangeli, frena l’emorragia con un muro vincente su Guasti. L’impresa personale ha un valore meramente platonico, la Zambelli ha già la partita in mano e lascia le briciole sul piatto. In classifica, Firenze recupera tre punti di ritardo e la zona retrocessione torna a otto lunghezze, non dimenticando Montespertoli che a Moie realizza l’impresa al tie-break (riducendo le distanze a nove, né allo stesso tempo il fatto che nel mezzo ci sono Bastia Umbra e Cesena. E domenica prossima, arriverà di nuovo una formazione capolista, la Teodora Ravenna che ora comanda in solitudine il girone. La prestazione della squadra non ha convinto il tecnico Pietro Camiolo: «Troppi alti e bassi e purtroppo, quando si allenta la tensione, la pallavolo diventa una disciplina impietosa. Posso comprendere che una sconfitta ci stesse, al cospetto di un’avversaria decisamente più forte, però non riesco a spiegarmi l’assenza di lucidità dopo che per l’intera settimana avevamo lavorato su determinate situazioni. Abbiamo peccato in ricezione e sui cambi palla, aspetti da rivedere subito in allenamento, prendo per buoni quei frangenti in cui le ragazze si sono espresse bene, ma per il resto dobbiamo ancora migliorare e crescere».
ZAMBELLI ORVIETO – SIA COPERTURE SAN GIUSTINO = 3-1
(25-18, 25-19, 22-25, 25-11)
ORVIETO
: Mezzasoma 22, Guasti 20, Montani 15, Kotlar 8, Ubertini 7, Valpiani 2, Rumori (L), Ginanneschi. N.E. – Vujevic, Donarelli, Deanesi. All. Matteo Solforati e Giuseppe Iannuzzi.
SAN GIUSTINO
: Barbolini 13, Lisandri 11, Cornelli 9, Spicocchi 8, Rosa 6, Lavorenti 3, Krasteva (L), Marinangeli 1, Leonardi, Bartolini, Cosetti. N.E. – Sorrentino. All. Pietro Camiolo e Claudio Nardi.
Arbitri: Graziano Gurgone e Claudio Bolognesi.
ZAMBELLI (b.s. 4, v. 9, muri 11, errori 18).
SIA (b.s. 8, v. 8, muri 7, errori 17).
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 12, 2017 09:30