Trento-Perugia, la semifinale si gioca in regia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 18, 2017 09:00
Trento-Perugia (schierate)

Diatec Trentino e Sir Safety Conad Perugia schierate a centro campo (foto Michele Benda)

Tutti abili ed arruolati nella Sir Safety Conad Perugia che affronterà nella prima partita di semifinale dei play-off scudetto la Diatec Trentino domenica 19 marzo in trasferta. Gara-uno sarà seguita da oltre quattrocento tifosi che coloreranno di bianco la curva del Pala-Trento (vestito a sua volta di giallo). Chi non potrà esserci seguirà le immagini della partita a pagamento sul web tramite Sportube.tv oppure gratuitamente la radiocronaca sulle frequenze di Umbria Radio. La fiducia di poter compiere l’impresa c’è, anche se qualche apprensione più del previsto gli sportivi bianconeri ce l’hanno nel misurarsi contro una rivale che non ha mai perso tra le mura amiche. I dolomitici sono avversari in grado di schierare una formazione base di straordinario spessore, a cominciare da Simone Giannelli, nato come attaccante e successivamente trasformatosi in uno dei migliori palleggiatori del mondo. Il ventenne altoatesino possiede una struttura atletica eccezionale ed unisce all’estro in regia quei 199 centimetri di altezza che lo agevolano a muro, dove in regular season ha messo a segno 55 punti (lo stesso numero di Podrascanin) ed al servizio, dove sempre tra andata e ritorno ha realizzato 25 ace (quanti quelli di Russell o di Berger). Anche in attacco il talentuoso regista della nazionale azzurra sa farsi valere e non disdegna di scaricare la sua potenza sulla palla quando ne ha l’opportunità. Giannelli è sicuramente il valore aggiunto di una squadra solida anche in tutti gli altri settori. A schiacciare c’è un solido Filippo Lanza, grande protagonista nel 2015, del quarto scudetto del club settentrionale. Non v’è dubbio che l’allenatore Angelo Lorenzetti abbia in questi due atleti una coppia molto affidabile. Questo non significa che Trento sia imbattibile, i block-devils ci sono riusciti lo scorso gennaio tra le mura amiche, rifilandogli un tre a zero pesantissimo in una memorabile partita. Questo significa che messi sotto pressione gli avversari presentano i loro lati deboli. Come ha ricordato più volte il coach Lorenzo Bernardi, i perugini dovranno essere tanto bravi da sfruttare al massimo le piccole e grandi concessioni, qualora dovessero manifestarsi. C’è la consapevolezza del fatto che le bocche da fuoco che può servire l’alzatore Luciano De Cecco sono tante. L’argentino sta attraversando un momento di condizione straordinaria ed insieme a lui lascia ben sperare lo schiacciatore americano Aaron Russell che a livello offensivo è risultato il più devastante nelle ultime uscite. Ci si prepara a vivere le emozioni di un grande spettacolo che dovrebbe registrare il tutto esaurito sugli spalti. Gli ex della partita sono tre: Andrea Bari, Emanuele Birarelli e Dore Della Lunga. Nei quindici precedenti gli umbri hanno conquistato quattro successi, nella post season un’affermazione nelle tre gare disputate. Tra le curiosità vale la pena sottolineare che i ragazzi del presidente Sirci giocheranno le gare esterne della serie in maglia rossa, e saranno gli unici delle quattro antagoniste a cambiare colore nelle sfide interne. Trento: Giannelli – Stokr, Solè – Van de Voorde, Lanza – Urnaut, Colaci (L). All. Angelo Lorenzetti. Perugia: De Cecco – Atanasijevic, Podrascanin – Birarelli, Zaytsev – Russell, Bari (L). All. Lorenzo Bernardi. Arbitri: Omero Satanassi (RA) e Giorgio Gnani (PC).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 18, 2017 09:00