Monini Spoleto superba, è sua la prima a Castellana Grotte

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 30, 2017 22:45
Bargi Federico (attacco)

Monini Spoleto in attacco col centrale Federico Bargi (foto Giampiero Consaga)

L’ha dovuta vincere due volte la Monini Spoleto, ma quel che conta è che l’ha vinta. Avanti due set ad uno e 13-19 nel quarto, gli oleari hanno subito la veemente rimonta della Bcc Castellana Grotte che ha annullato un match-point e portato la gara al tie-break. Proprio lì, quando l’inerzia sembrava tutta dalla parte dei padroni di casa, quando il pubblico del Pala-Grotte sembrava in grado di spingere i propri beniamini alla vittoria, è arrivata la contro-reazione degli uomini di coach Provvedi che hanno lottato come leoni e piazzato la zampata decisiva proprio sul finale con un ace di Bertoli ed un muro su Cazzaniga. Gara-uno della finale nei play-off di serie A2 maschile è degli ospiti, il fattore campo è invertito e ora, mercoledì alle 18.30, la bolgia sarà al Pala-Rota, dove una città intera sogna di coronare qualcosa di incredibile. Coach Provvedi conferma la formazione che in semifinale ha sconfitto Siena mandando in campo Morelli e Monopoli sulla diagonale opposto-palleggiatore, Mariano e Bertoli schiacciatori-ricevitori, Zamagni e Bargi centrali, Romiti libero. Fa la stessa cosa coach Lorizio che conferma il sestetto con Garnica e Cazzaniga, Moreira e Canuto, Presta e Ferraro con Cavaccini libero. L’esperto palleggiatore pugliese mette in difficoltà gli ospiti dai nove metri, il resto lo fanno Moreira in attacco e Ferraro a muro per l’8-5 che induce Provvedi a fermare il gioco. I murgiani sono attenti nella correlazione muro-difesa, i martelli brasiliani molto positivi in attacco e il divario si allarga fino al 14-9 quando Spoleto, con una serie positiva di Mariano e alcuni tocchi a muro torna a meno due, perfezionando poi l’aggancio con due ace consecutivi di Zamagni. Castellana strappa ancora con un ace di Ferraro e un tap-in di Cazzaniga (21-19) e questa volta, sfruttando anche qualche indecisione olearia in ricezione, va dritta alla meta e chiude. Spoleto comincia con più attenzione il secondo set, i padroni di casa non stanno a guardare e la partita si infiamma. Sul 7-7 già tante azioni spettacolari in entrambe le metà del campo con gli umbri che provano a scappar via in più di un’occasione ma non trova la spallata decisiva. Sul 12 pari Canuto accusa un piccolo problema fisico che comunque non gli impedisce di proseguire il match, Morelli attacca il pallone del più due (12-14) e Lorizio preferisce fermare il gioco per parlare coi suoi. Fa lo stesso Provvedi sul 1-14, è una gara anche di nervi e i due tecnici cercano di tenere più saldi possibili quelli dei propri ragazzi. Ci riesce meglio, in questa fase, gli spoletini scappano a più cinque (20-15) sporcando gli attacchi di Moreira e contrattaccando con Mariano e Morelli, ma subisce le battute di Garnica che riavvicinano i suoi a meno tre (20-23). A togliere le castagne dal fuoco ci pensano un attacco vincente di Bertoli e uno lungo di Cazzaniga, parità ristabilita. Il muro oleario sale in cattedra nel terzo parziale. Quello punto di Zamagni su Cazzaniga vale il 5-6, ma sono tantissimi i palloni sporcati che consentono contrattacchi puliti e riportano avanti la Monini (7-9). Morelli è inarrestabile, quando Mariano fa punto direttamente con la difesa in bagher Lorizio deve necessariamente chiamare un time out per provare a svegliare i suoi. È sempre Mariano a chiudere il punto più bello del match dopo quattro salvataggi difensivi ai limiti del possibile di una squadra che gioca ad un’intensità pazzesca, e che con Morelli trova l’ace del 14-21. L’opposto foggiano continua a sparare bordate nel campo avversario, i castellanesi fanno una fatica bestiale a bucare il muro avversario. L’epilogo è tutto di marca spoletina e vale il sorpasso nel conto dei set. L’impresa, nel quarto, è mantenere questo tipo di intensità. Si comincia bene con l’ace di Monopoli per il 2-4 e con quello di Festi (subentrato a Bargi) che vale il 5-8. È Canuto a tenere a galla i suoi con due attacchi che si infilano tra la rete e Zamagni, ma Spoleto non cede di un millimetro e ricomincia a difendere alla grande e attaccare ancora meglio, con un Morelli sempre irresistibile e un Mariano martellante dai nove metri (9-14). Il sussulto della Bcc coincide con il ritorno in campo di Cazzaniga, anche se il break di quattro a zero porta la firma di Bruno Canuto. Provvedi chiama il suo secondo tempo discrezionale in pochi istanti coi suoi avanti (17-19). Va in campo Garofalo, ma Castellana ci crede nella rimonta che si concretizza con un muro su Festi. Ai vantaggi i locali hanno un giocatore in più in campo, è il pubblico che spinge tantissimo, Presta rimanda la fine delle ostilità. Il tie-break inizia con Cazzaniga a segno nella bolgia di un palazzetto ora tutto in piedi. Al cambio campo c’è però la Monini avanti di due lunghezze, frutto di due ottimi attacchi di Mariano. Le squadre tentano di superarsi in tutti i modi, Castellana torna avanti di due con Cazzaniga (12-10) ma Spoleto non molla e contro-sorpassa con l’ace di Bertoli (13-12). Il muro di Festi e Mariano su Cazzaniga vale il match point che stavolta non viene fallito. È Mariano a mandare la Spoleto in paradiso.
BCC CASTELLANA GROTTE – MONINI SPOLETO = 2-3
(25-21, 20-25, 16-25, 28-26, 13-15)
CASTELLANA GROTTE: Moreira 19, Canuto 16, Ferraro 11, Presta 8, Cazzaniga 6, Garnica 3, Cavaccini (L1), De Santis 5, Parisi, Barbone. N.E. – Astarita, Quarta, Scio, Pace (L2). All. Giuseppe Lorizio e Giuseppe Calisi.
SPOLETO: Morelli 22, Zamagni 16, Mariano 12, Bertoli 10, Bargi 6, Monopoli 1, Romiti (L1), Festi 4, Joventino, Vanini, Marta (L2). N.E. – Garofalo, Segoni, Iaccarino. All. Riccardo Provvedi e Luca Arcangeli Conti.
Arbitri: Mariano Gasparro e Matteo Talento.
BCC (b.s. 21, v. 4, muri 9, errori 20).
MONINI (b.s. 24, v. 5, muri 8, errori 10).
(fonte Marconi Spoleto)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 30, 2017 22:45