Perugia assente e Trento va in finale

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 22, 2017 19:50
Atanasijevic Aleksandar (piazza)

Sir Safety Conad Perugia in attacco con l’opposto Atanasijevic Aleksandar (foto Michele Benda)

I quattrocento tifosi che arrivano da Perugia, entusiasti ed ottimisti dopo la prova di mercoledì, non sono ripagati dalla Sir Safety Conad Perugia. Il sabato di competizione, cominciato con grande tensione, si conclude in malo modo, i block-devils tradiscono in trasferta ed affondano inesorabilmente, vittime delle proprie paure, più che della Diatec Trentino. L’approccio alla partita è pessimo, il carattere assente e la tattica di gioco lascia a desiderare. La finale dei play-off scudetto resta un miraggio, quella che all’inizio della stagione era considerata l’obiettivo minimo. In realtà il fantasma del Pala-Trento resta tale e spezza il sogno degli uomini del presidente Sirci. In avvio la ricezione va subito in affanno e gli ospiti sono costretti ad inseguire con coach Bernardi che chiama il suo primo tempo discrezionale sul 6-3. Atanasijevic rompe il ghiaccio ma è l’unico a riuscirci mentre dalla parte opposta Lanza è inarrestabile (9-5). Il muro degli umbri non riesce a trovare le misure al gioco frizzante imposto da Giannelli e dopo aver riconquistato un break lo riperdono (16-12). La prima sostituzione è quella di Buti che rileva un impalpabile Podrascanin ma le cose non migliorano e il serbo torna in campo sul 22-17. La battuta è il fondamentale peggiore dei perugini che non mettono in difficoltà mai Colaci e ne sbagliano diverse lasciandosi sopraffare. Alla ripresa c’è un piglio diverso ma l’attenta difesa dei padroni di casa riesce a guadagnare il comando delle operazioni e l’ace di Giannelli scrive il 9-6. Perugia continua a giocare male ma, dopo che Bernardi richiama tutti all’ordine, riesce a rimettere in asse (12-12). Dura poco però perché il muro dei dolomitici è di granito e ristabilisce il divario con Giannelli che ferma Berger e poi va a siglare un ace con l’aiuto del nastro della rete che gabba gli avversari (19-14). Entrano Mitic e Della Lunga, poi anche Chernokozhev viene gettato nella mischia ma la situazione è disperata (23-17). Il pallonetto di Lanza rincara la dose. Nella terza frazione è il disastro sul turno al servizio di Stokr (7-1). Bernardi spende subito i suoi due time-out a disposizione vedendo che manca la reazione dei suoi uomini che sono in balia delle onde (9-3). Quando Podrascanin sbaglia un rigore a porta vuota si capisce che ormai la resa è dichiarata (13-8). Nel momento più difficile però gli umbri trovano con Podrascanin alla battuta una serie positiva che riavvicina (16-15). Anche la fortuna aiuta Trento che riesce a sorprendere con una difesa di petto di Giannelli che finisce sul campo perugino e trova il punto (19-16). C’è da attendere solo la fine che arriva sull’attacco di Lanza. Perugia il tricolore dovrà guardarlo in televisione.
DIATEC TRENTINO – SIR SAFETY CONAD PERUGIA = 3-0
(25-22, 25-19, 25-21)
TRENTO: Lanza 16, Stokr 16, Solé 9, Van de Voorde 3, Urnaut 7, Giannelli 4, Colaci (L), Nelli. N.E. – Antonov, Mazzone D., Mazzone T., Blasi, Burgsthaler, Chiappa (L2). All. Angelo Lorenzetti e Dario Simoni.
PERUGIA: Atanasijevic 13, Berger 7, Podrascanin 6, Birarelli 4, Zaytsev 4, De Cecco, Bari (L1), Della Lunga 2, Buti, Chernokozhev, Mitic, Paris, Tosi (L2). N.E. – Franceschini. All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
Note – Spettatori 3’568.
Durata dei set: 31’, 27’, 28’.
Arbitri – Roberto Boris (PV) ed Andrea Puecher (PD).
DIATEC (b.s. 16, v. 5, muri 6, errori 10).
SIR CONAD (b.s. 13, v. 1, muri 2, errori 7).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 22, 2017 19:50