Romolo Mariano: «Spoleto ha forti motivazioni»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 18, 2017 12:00
Mariano Romolo (tuta)

Romolo Mariano (foto Marika Torcivia)

Un Pala-Rota mai così pieno, un cuore mai così grande, una serie di nuovo in parità e la pressione che ora torna sulle spalle del Siena, visto che gara-tre si giocherà di nuovo al Pala-Estra. È stata una domenica di Pasqua che gli appassionati della pallavolo difficilmente dimenticheranno per merito di una Monini Spoleto che, dopo una partenza un po’ a singhiozzo, ha saputo trovare le giuste contromisure agli avversari ribaltando l’inerzia del match, ed è stata lucidissima in un tie-break che valeva davvero tantissimo. Tra i protagonisti indiscussi del match c’è Romolo Mariano, ricezione positiva al 58% e attacco al 55% per lui, che ha chiuso i conti con una fantastica schiacciata in secondo tempo: «Siena rimane una grandissima squadra costruita per vincere, noi però abbiamo dimostrato di tenerci tantissimo e di voler portare la serie più a lungo possibile. Siamo stati molto bravi a tenere anche quando eravamo sotto, poi abbiamo avuto la giusta lucidità nei momenti caldi». Giovedì si torna a Siena. «Dovremo giocare come domenica, di squadra, nessuno può pensare di vincere la partita da solo contro un team così forte come quello toscano. Conteranno tantissimo le motivazioni, che ci fanno andare oltre la stanchezza. Sono sicuro che venderemo carissima la pelle». Tocca poi a Roberto Festi parlare di gara-due, uno di quelli che non gioca tantissimo ma che è sempre pronto quando viene chiamato in causa. Lo è stato anche domenica, con un attacco vincente ed un ace appena entrato: «Abbiamo lavorato tanto per questa vittoria, credo che ce la siamo meritata. Abbiamo dimostrato con il gruppo e con la voglia di fare che Spoleto c’è e può lottare fino in fondo». C’è tutta la spensieratezza dei suoi ventitré anni. «Io sono sempre pronto, non vedo l’ora di entrare in campo e dare il mio contributo, la pallavolo è anche divertimento e io ogni volta cerco di divertirmi e di dare adrenalina a tutta la squadra». Di sicuro, domenica si sono divertiti i tantissimi tifosi che assiepavano le tribune dell’impianto sportivo e si sono dovuti ricredere quei pochi che, dopo la sconfitta nella prima sfida della serie, avevano già parlato di poco attaccamento alla maglia da parte dei giocatori. Hanno dimostrato esattamente l’opposto con una prova di altissimo livello tecnico e di grande spirito di sacrificio, dandosi una mano dall’inizio alla fine. Non è un caso se ogni time-out chiesto da coach Provvedi ha coinciso con un ottimo rientro in campo della squadra che ha recuperato i break di svantaggio. Encomiabili come sempre i ragazzi della Fossa Gialloblu che hanno cantato e incitato per tutta la gara, nelle fasi calde anche la tribuna centrale ha partecipato alla festa rendendo il palazzetto una vera e propria bolgia. Ora tutte le energie sono proiettate verso la terza partita in programma giovedì a Siena. Gli oleari dovranno vincere almeno una volta in terra toscana per passare il turno e approdare in finale, ci proveranno con tutte le proprie forze in questo turno infrasettimanale che si preannuncia durissimo ma non impossibile, specie se l’approccio alla gara sarà quello della domenica di Pasqua. Le due squadre, con ogni probabilità, presenteranno gli stessi sestetti di partenza, sarà fondamentale ricaricare le batterie e resettare la mente.
(fonte Marconi Spoleto)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 18, 2017 12:00