Federico Tosi: «Sono cresciuto a Perugia»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 11, 2017 15:30
Tosi Federico

Federico Tosi (foto Michele Benda)

In attesa di notizie precise sul mercato alla Sir Safety Conad Perugia si registrano movimenti in uscita, dopo il saluto del centrale Simone Buti che il club bianconero non ha confermato (si parla di una possibile destinazione a Monza), altri elementi sono pronti con le valigie in mano. Tra loro c’è il libero Federico Tosi che al suo primo anno con la squadra umbra ha vissuto grandi emozioni: «Nella final four della champions league a Roma la semplice partecipazione mi ha ripagato di tanti sacrifici. Essendo l’ultimo obiettivo stagionale, abbiamo affrontato la settimana entusiasmante ed abbiamo disputato una semifinale incredibile, la partita ci ha prosciugato molte energie fisiche e mentali e contro Kazan ed abbiamo pagato dazio. Credo che però tutto sommato sia una medaglia d’argento guadagnate e non una d’oro persa, anche se chiaramente sul podio il dispiacere c’era». Ancora è presto per parlare del futuro ma il giocatore di origine toscana sottolinea quanto sia stata utile l’esperienza in bianconero. «È stata una stagione lunghissima, carica di tensioni e aspettative, sono molte le cose che porterò con me. Mi sono scontrato con una grande realtà per la prima volta e questo mi ha fatto crescere sotto ogni punto di vista, perché giocare partite importanti che vanno vinte per forza e dove non si può sbagliare ti porta via tante energie, a volte ti mette in ginocchio e ti fa maledire il giorno in cui hai iniziato a giocare, ma superando quei momenti diventi un uomo migliore oltre che un giocatore più forte. Ringrazio chi mi ha permesso di provare queste forti emozioni e i miei compagni. Non abbiamo vinto quanto volevamo, gli obiettivi primari sono sfumati, ma abbiamo la consapevolezza di aver fatto un gran percorso, superando sempre le difficoltà insieme. Un anno più che positivo e che mi ha segnato in maniera forte».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 11, 2017 15:30