Gino Sirci: «Perugia pronta ad organizzare un’altra final four»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 4, 2017 17:00
Sir Safety Perugia (conferenza)

Una immagine della conferenza stampa della Sir Safety Perugia sul bilancio della champions league

Con una conferenza stampa organizzata insolitamente a fine stagione ed insolitamente nella sua azienda, Gino Sirci presidente della Sir Safety Perugia ha voluto fare il punto della situazione al termine di una stagione agonistica importante. Nel pomeriggio la sala di ricevimento era affollata, un chiaro indice del livello di popolarità che il massimo dirigente dei block-devils ha raggiunto tra gli addetti ai lavori: «Voglio ringraziare innanzitutto lo staff che ha lavorato sul campo, a partire da Stefano Recine e Francesco Allegrucci, nostri responsabili per la manifestazione continentale, per passare a tutti gli altri. Noi gente di campagna siamo riusciti a fare scuola in città, in una vetrina come la champions league che è di livello mondiale abbiamo ricevuto tantissimi complimenti. Abbiamo scoperto di avere un grande staff e siamo pronti a prepararne un’altra, non ho dubbi ad affermare che oggi siamo una società sportiva migliore. Detto in parole povere l’evento ci ha portato più fieno che paglia. I 107 paesi collegati ed i contatti che ci sono stati hanno fatto sì che si rivelasse un successo. La Dhl è stata nostra partner volendo partecipare ad un appuntamento in esclusiva ed ha raccolto con soddisfazione i consensi della riuscita. È stata una piacevole sorpresa vedere tanta gente che da Perugia si è trasferita nella capitale per tifare per noi, dedicando del tempo alla pallavolo. È stato uno spot che ha aumentato la notorietà di Perugia in Italia e nel mondo, un club che nella prossima stagione raccoglierà i frutti di questo lavoro. Abbiamo fatto il record d’incasso per una partita di pallavolo in Italia, quasi 500’000 euro dalla vendita dei biglietti (il doppio del record precedente). Insomma, siamo pronti ad organizzarne un’altra di final four domani stesso. Forse ci siamo un po’ svuotati per la vittoria in semifinale su Civitanova Marche e non siamo stati più competitivi di quello che potevamo nella finale col Kazan ma di certo i russi hanno giocato una gara di alto livello. Se ci guardiamo dietro siamo soddisfatti, davanti a noi c’è solo una formazione formata da alieni. Pensando al Pala-Evangelisti potrei dire che non è utopico pensare di organizzare un evento del genere a Perugia. Basterebbe apportare delle migliorie per allargare la capienza e renderlo più accogliente, sono sicuro che questo non sarebbe creare una cattedrale nel deserto». Anche il direttore organizzativo della competizione Stefano Recine si è mostrato soddisfatto: «Sono stato catapultato in questo club ed ho accettato una sfida per la quale il presidente ha avuto un grande coraggio a volerla ospitare ma gli 8’200 abbonati hanno premiato questa audacia. Lo staff responsabile della sicurezza di alto livello ha detto che non ha mai avuto un affusso così ordinato. Il pubblico è stato pazzesco e non ha creato un problema e questo è stato merito della nostra organizzazione. Anche la polizia ci ha fatto i complimenti e questo ci rende orgogliosi. quasi 40’000 di vendita di merchandising Abbiamo ricevuto richieste circa 200 capi di abbigliamento oltre a quelli venduti a Roma, nel nostro piccolo mondo non è poco. Avevamo un contratto a termine e vedremo cosa ci riserverà il futuro ma comunque sia sarò sempre grato a questa società sportiva e al presidente per avermi dato questa opportunità». A questo proposito il numero uno dei block-devils ha lasciato intendere che continuerà il rapporto tra le parti perché c’è reciproca stima e si tratta solo di valutare con quale funzione e quale incarico.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 4, 2017 17:00