Monteluce vince nel trofeo e critica il campionato

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 24, 2017 12:00
Vagnetti Stefano (microfono)

Stefano Vagnetti, presidente della Polisportiva Monteluce

Dopo un mese esatto dall’ultima gara di regular season torna in campo la Strike Team Monteluce e lo fa tra le mura amiche per la prima giornata del trofeo comitato Perugia di serie C maschile battendo con un secco tre a zero la giovane compagine della Città di Castello Pallavolo. I ragazzi del tecnico Yotov hanno avuto saldamente la gara nelle loro mani e, tranne qualche piccola apprensione nel finale del primo set, non sono mai stati in difficoltà pur schierando tutto l’organico a disposizione. Nonostante la lunga assenza dal parquet i perugini partono subito forte con Paffarini (11-5); la gara scivola via fino al 20-13 quando dopo vari avvicendamenti, i padroni di casa incappano in una serie di errori e soffrono il turno al servizio di Marsili (22-18), il finale però è in loro appannaggio. Nei successivi due parziali non ci saranno altri sussulti del genere e capitan Polidori, molto incisivo nei turni di servizio, trascina i suoi ad una agevole vittoria; il secondo parziale pur con tredici errori si chiude con ampio scarto, ed il terzo è senza storia. In generale una buona prova del collettivo perugino che ha così iniziato nel migliore dei modi questo torneo e che nel fine settimana sarà in trasferta sul campo del Gubbio. Al termine della gara il presidente Stefano Vagnetti analizza la gara e si toglie qualche sassolino dalle scarpe: «Devo fare un plauso ai nostri ragazzi ma anche a quelli delle squadre che doverosamente partecipano a questa competizione perché tornare in campo dopo trenta giorni di inattività non è facile per nessuno. Questa penosa situazione si è trascinata per settimane ed abbiamo assistito ad un vero e proprio collasso del sistema pallavolo maschile in Umbria. Il problema sembra non stare a cuore a nessuno, il comitato ad inizio stagione ha intrapreso la strada della deregulation totale con accesso ai campionati a  chiunque ne facesse richiesta e questo, unito alle concessioni già in essere da anni (limite di età degli atleti e nessuna sanzione alle società che non partecipano ai campionati giovanili) si pensava fosse stata una carta vincente per poter disputare il campionato, almeno quello di serie C, con un congruo numero di squadre. La cosa è andata in porto per quanto riguarda la stagione regolare ma si è arenata al termine di essa con le società che hanno disatteso le indizioni federali decidendo di non partecipare alla fase finale senza incorrere in alcuna sanzione. Ora dopo tanto tribolare e numerose sollecitazioni in tal senso, si è riusciti a mettere in piedi un ‘Trofeo del Comitato’ che pur non rispecchiando la stagione almeno consentirà alle squadre di chiudere in maniera onorevole la stagione ma quello che è successo credo debba far riflettere i vertici federali e le società sulla bontà delle decisioni prese. Tralasciando i commenti sul campionato di serie D (quattro squadre partecipanti), si deve prendere atto che anche il campionato superiore è ormai scaduto a torneo semi-amatoriale (senza nulla togliere a questo tipo di tornei), dove ognuno decide se e quando giocare. Solo i play-off promozione sono un obiettivo credibile ma vorrei far notare che due squadre su quattro delle partecipanti all’edizione di quest’anno non partecipano ad alcun campionato giovanile; ha senso tutto questo? La prossima stagione, con un anno in più sulle spalle dei numerosissimi veterani che partecipano a questo campionato, si riuscirà a trovare ancora squadre per formare il campionato? Diversi anni fa, l’allora presidente Guiducci fu da molti criticato per aver inserito nelle indizioni l’obbligo di schierare atleti giovani negli organici; forse si dovrebbe ripensare a quanto di buono veniva fatto in passato per poter dare obiettivi incentivanti ai pochi giovani in circolazione anche a costo di qualche sacrificio. La situazione è sfuggita di mano a tutti e penso che sia auspicabile un serio confronto per evitare una catastrofe che sembra annunciata».
STRIKE TEAM MONTELUCE – CITTÀ DI CASTELLO PALLAVOLO = 3-0
(25-21 25-16 25-13)
MONTELUCE: Polidori 12, Paffarini 8, Urbanella 7, Brizioli 7, Moscioni 4, Monteneri 3, Sampieri (L1), Lamacchia 3, Pieretti 3, Mela 2, Marquez, Vrenna, Doukakis (L2). All. Lubomir Yotov.
CITTÀ DI CASTELLO: Marsili 10, Zangarelli 6, Cipriani 3, Pitocchi 3, Riccardini 2, Giunti 1, Cioffi (L1), Pierini 1, Nardi 1. N.E. – Celestini, Falcini, Dolfi (L2). All. Michele Menghi.
MONTELUCE (b.s. 13, v. 8, muri 6, errori 10).
CITTÀ DI CASTELLO (b.s. 15, v. 4, muri 5, errori 11).
(fonte Polisportiva Monteluce)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 24, 2017 12:00