La Sir Conad Perugia è cresciuta ed è matura

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 30, 2017 13:00
Sir Safety Conad Perugia (esulta)

l’esultanza per la vittoria della Sir Safety Conad Perugia (foto Michele Benda)

Quattro su quattro e nessun set perso, avvio migliore di ogni più rosea aspettativa per la Sir Safety Conad Perugia che guida la classifica della superlega maschile a braccetto con Modena che ha lo stesso identico ruolino di marcia. Nella domenica in cui i campioni d’Italia del Civitanova Marche cadono per la prima volta, uscendo sconfitti da Latina, i block-devils forniscono una prova mostruosa di solidità contro una dinamica Milano che oggi merita ancor più considerazione di quella datagli alla vigilia. Non capita spesso di battere tre a zero un’avversaria come quella lombarda che in attacco riesce ad avere il 55% di efficienza, perciò la prestazione dei bianconeri acquisisce ancor più credito, nonostante siamo solo all’inizio della stagione. I ragazzi del presidente Gino Sirci hanno cambiato registro rispetto al passato, attraversano un momento magico e lo dimostrano ogni qual volta si trovano in difficoltà o addirittura sotto nel punteggio, dimostrando una capacità di reazione ed una lucidità da grande squadra. Di quello che era il punto debole della scorsa stagione, la tenuta mentale, ora non c’è più traccia. Che la differenza tra vincere e perdere i set per pochi punti fosse sottile era noto, ma che bastassero gli innesti di qualità del mercato estivo per fare l’auspicato salto di qualità non era certo. Invece, in una partita come quella contro i meneghini, hanno compreso tutti cosa significassero le affermazioni più volte fatte dai protagonisti che recitavano “una palla in più”. Mettere giù un pallone più degli avversari, prendere un muro in più, ma anche raccogliere una difesa in più nei momenti topici della partita. Ed è proprio questo ultimo aspetto che non è passato inosservato agli addetti ai lavori che hanno premiato i numerosi funambolici salvataggi del libero perugino nominandolo miglior giocatore in campo, Massimo Colaci ha commentato così: «Siamo stati bravi a tenere le battute potenti dei milanesi, specie di Abdel-Aziz, e a recuperare tante difese. Quando riesci a neutralizzare attaccanti forti ti senti soddisfatto e questo è quello che mi esalta, la cosa più bella della pallavolo. E poi dopo aver vinto uno scambio del genere senti il palasport che grida il tuo nome e ti esalta ancora di più. Questa deve essere la nostra caratteristica sempre». Perugia insomma pare matura, anche se i margini di crescita li ha e, ovviamente, li avranno anche le rivali. Intanto però si gode la vetta della classifica. Anche capitan Luciano De Cecco è soddisfatto commentando l’ultima prestazione: «Ci aspettavamo una partita diversa, soprattutto dopo le loro ultime prestazioni convincenti. Milano è una squadra di alto livello con Abdel-Aziz che ha dei momenti molto buoni. Ci abbiamo messo molto del nostro per portare a casa questa vittoria. In battuta abbiamo spinto e non gli abbiamo consentito di fare il loro solito gioco. Penso che proprio questo fattore alla fine abbia fatto la differenza». Ora sarà indispensabile gettarsi alle spalle quanto di buono fatto e tornare a lavorare in palestra, mercoledì si scende di nuovo in campo al Pala-Evangelisti. A ricordarlo è il centrale Simone Anzani: «Era una partita molto complicata contro Milano ed eravamo consapevoli che potevamo avere difficoltà maggiori di quelle incontrate sino ad ora. Avevo sensazioni positive stavolta e siamo stati bravi ad aggredire sin da subito. Arriva Monza, squadra da non sottovalutare, se giochiamo con questa aggressività penso che possiamo fare un altro risultato pieno».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 30, 2017 13:00