Libertas Perugia, danno e beffa contro Città di Castello

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 20, 2017 13:00
Leonelli Alessandra

Alessandra Leonelli

Mastica amaro la Libertas Perugia, che nella sesta giornata del campionato di serie C femminile mette in cascina un solo punto nella sfida casalinga contro la Città di Castello Pallavolo; alla palestra Galilei si è disputata una partita dai tanti volti, caratterizzata da continui ribaltamenti di fronte e da un assurdo quanto incredibile colpo di scena proprio sui titoli di coda, capace di condizionare una sfida emozionante ed aperta che non meritava un simile epilogo. Ospiti subito incisive in apertura con gli attacchi della top-scorer Mancini (4-9); le perugine sbagliano tantissimo (saranno quattordici gli errori punto) ma riescono lentamente a ricompattarsi, riducendo progressivamente il gap (13-14); il turno in battuta di Ceccarelli (anche due ace) pesa però come un macigno sull’inerzia della frazione (13-23), chiusa dall’errore al servizio di Cibruscola. La reazione biancoblu si concretizza in avvio di secondo set (11-4) ma non basta per scrollarsi di dosso le avversarie, che alzano l’asticella in fase difensiva e rientrano in corsa (16-15); si procede spalla a spalla, poi due errori consecutivi regalano il break a Perugia (23-20); è Pucciarini ad impattare. Nella terza frazione nessuna delle contendenti riesce a superare i due punti di vantaggio fino alle battute finali (21-21); gli animi si scaldano, il tecnico ospite Brighigna riceve un cartellino rosso ed il successivo ace di Ciaglia vale il set-point (24-21), subito concretizzato da Leonelli. In avvio di quarto parziale la Libertas sogna l’intera posta con i due muri consecutivi di Budassi (5-2); Mancini dai nove metri impatta (6-6) e Fiorini spinge le compagne all’allungo (12-16); i tanti cambi di coach Picchio non interrompono il black-out (13-21), che rende inevitabile la conclusione al tie-break. Perugia riparte a testa bassa nel set decisivo (4-0); Ciaglia conserva il vantaggio (10-6), ma gli affondi di Mancini (sette volte a referto) annullano il gap (10-10). Il quinto muro personale di Budassi sembra rimettere le cose a posto (12-10), Mancini non ci sta e ribalta (12-14) e Cintia impatta nuovamente (14-14); entusiasmo alle stelle tra i tifosi di ambo le squadre, per un finale che si preannuncia a cinque stelle. L’attacco di Leonelli toccato a muro e rimbalzato poi in campo sembrerebbe annullare il terzo match point ospite, ma il direttore di gara non è dello stesso avviso e decreta palla-out e la fine del match; le ospiti esultano, facendo da contraltare allo sconforto delle ragazze e dello staff perugino, in cui rabbia, frustrazione ed incredulità si mescolano in un clima di delusione per ciò che poteva essere e che, non solo per propri demeriti, invece non è stato. Perugia pensa già al prossimo turno di sabato 25 novembre nel quale farà visita al San Feliciano, reduce dalla sconfitta nell’ultimo turno sul campo del San Mariano.
LIBERTAS PERUGIA – CITTÀ DI CASTELLO PALLAVOLO = 2-3
(15-25, 25-23, 25-21, 17-25, 14-16)
PERUGIA: Budassi 13, Pucciarini 12, Ciaglia 10, Cintia 10, Leonelli 7, Santioni 2, Pippi (L1), Matteucci 1, Cibruscola, Biagiotti, Colonnelli. N.E. – Bragetti, Chiotti, Bicini (L2). All. Simone Picchio.
CITTÀ DI CASTELLO: Mancini 25, Ceccarelli 19, Fiorini 19, Giunti 7, Osakwe 5, Cesari 1 (L1), Gobbi 5, Fabbri. N.E. – Anashkina, Pecorari, Nardi, Ioni. All. Francesco Brighigna.
Arbitro: Fabio Moretti.
LIBERTAS (b.s. 10, v. 4, muri 7, errori 25).
CASTELLO (b.s. 13, v. 11, muri 6, errori 28).
(fonte Libertas Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 20, 2017 13:00