Eleonora Fastellini: «San Giustino deve essere più cinica»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 13, 2017 09:00
Fastellini Eleonora

Eleonora Fastellini (foto Gianfranco Giani)

L’esperienza al servizio della squadra. Alla Sia Coperture San Giustino non era iniziata nel migliore dei modi la fase di preparazione, un risentimento muscolare le aveva impedito di seguire la regolare tabella di marcia per buona parte del mese di settembre, ma poi è tornato tutto a posto, anche se fino a questo momento il suo impiego nelle partite di campionato è stato abbastanza limitato. La schiacciatrice Eleonora Fastellini fa il punto di metà settimana commentando la bella vittoria su Montale Rangone: «Sabato scorso abbiamo reagito nel migliore dei modi, cogliendo una vittoria attentamente costruita nel corso della settimana. A Macerata non abbiamo giocato; o meglio, abbiamo giocato solo a sprazzi, subendo una sconfitta che aveva interrotto la nostra serie positiva. Alla ripresa degli allenamenti, ci siamo guardate e parlate, riconoscendo i nostri errori ma avendo anche la consapevolezza dei nostri punti di forza. E ci siamo dette una cosa fondamentale: dobbiamo stare tranquille e giocare come sappiamo. E così è andata, abbiamo servito molto bene, mettendo in crisi la loro ricezione per fare in modo che potessero attaccare il meno possibile al centro, reparto nel quale avrebbero potuto farci male. E siamo state così efficaci in battuta da creare di conseguenza problemi anche alla loro palleggiatrice, per cui al centro le emiliane si sono viste poco; alle bande, poi, Brina non era in giornata e Marc si è salvata in qualche maniera, facendo leva sulla sua esperienza. Contenendo molto la loro pericolosità in attacco e difendendo con ordine, oltre che ricevere meglio i palloni, siamo riuscite a essere più lineari e a trovare le soluzioni vincenti in attacco e a muro». Fino ad ora c’è stato poco spazio per la trentunenne giocatrice di origine bastiola. «In allenamento sto lavorando soprattutto in seconda linea, quindi nella ricezione e nella difesa, per cui se occorre un cambio in attacco è più pronta Beatrice Meniconi. Sto andando incontro a una sorta di riconversione nel ruolo e posso garantire che lo faccio volentieri, un lavoro specifico che sta andando avanti e che contraddistingue questa fase della mia carriera pallavolistica. Se però si dovesse presentare la necessità, tornerei subito a saltare e a schiacciare come ho sempre fatto». Sabato prossimo, trasferta a Quarrata prima della pausa delle festività. È chiaro che si cercherà il regalo di Natale, tornando a casa con il bottino pieno, obiettivo da conseguire a maggior ragione se si vogliono coltivare importanti ambizioni. «Le insidie del match sono legate ad un’avversaria che, trovandosi in una zona bassa di classifica e non avendo nulla da perdere, può esprimersi con scioltezza e quindi rendere difficile la vita. Se noi abbiamo però un qualcosa più di loro, lo dobbiamo far valere alla stessa maniera di sabato scorso, senza condizionamenti di natura ambientale. Abbiamo un tipo di gioco più veloce rispetto a quello delle nostre avversarie? Bene, dobbiamo imporlo, altrimenti se la mettiamo sul loro piano poi facciamo anche il loro gioco. Dobbiamo quindi essere le stesse, tanto in casa quanto fuori e soprattutto dobbiamo imparare a essere più ciniche. a quel punto, potremo dire di aver acquisito una personalità tutta nostra».
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 13, 2017 09:00