Perugia stregata ancora da Modena

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 17, 2017 20:23
Anzani Simone (muro)

Sir Safety Conad Perugia a muro con il centrale Simone Anzani (foto Michele Benda)

Dodici rischia di essere un numero maledetto, alla dodicesima giornata di superlega maschile la Sir Safety Conad Perugia incappa nella seconda sconfitta della stagione che corrisponde alla dodicesima sconfitta consecutiva nello scontro diretto con la Azimut Modena. Non basta il calore degli oltre quattromila stavolta, i block-devils sono apparsi meno concreti del solito e meno concentrati nei momenti chiave del match. I bianconeri masticano amaro anche se continuano ad occupare le posizioni di vertice, a tutto vantaggio dello spettacolo della massima categoria italiana. Nulla di drammatico, i ragazzi del presidente Sirci restano ad un punto dalla vetta dove c’è Civitanova Marche, venendo agganciati proprio da Modena, un terzetto che infiammerà la restante parte di stagione. Dopo l’iniziale scambio di saluti è battaglia, gli ospiti scappano subito in due riprese grazie agli affondi di Sabbi e ai propri errori (5-8). La reazione umbra è controllata dalla difesa avversaria che, specie con Rossini, riesce ad impedire il rientro (11-16). Va Atanasijevic in battuta (anche un ace) e qui avviene l’accelerazione con il muro bianconero che sale in cattedra e rovescia (18-16). Modena si riprende subito ed il punteggio si ribalta di nuovo (19-20), il finale è spalla a spalla ma Bernardi mette in campo troppi stranieri e si becca un cartellino rosso, è il break che porta a tre palle-set, la prima è annullata ma poi dai nove metri l’errore di Zaytsev, l’undicesimo di squadra, vale l’uno a zero. Alla ripresa i padroni di casa provano la fuga acquisendo quattro punti di vantaggio ma vengono ripresi (6-6). Parte un duello molto equilibrato che si protrae con Atanasijevic e Sabbi grandi protagonisti (20-20). Nel momento che conta la ricezione perugina ha una esitazione e i canarini ne approfittano (21-23). È lo strappo decisivo che porta Ngapeth a chiudere. Il contraccolpo è forte e Perugia non si riprende nel terzo frangente che la vede in affanno (4-10). Berger sostituisce Russell e le cose vanno meglio, la rimonta si esaurisce però sul 12-14. Ngapeth trova colpi coraggiosi ed è aiutato anche dalla fortuna, il nastro che provoca l’ace taglia le gambe ai locali che tornano ad affondare (14-19). La regia del neoentrato Shaw non riesce a fornire lo stimolo che serve per compiere l’impresa.
SIR SAFETY PERUGIA – AZIMUT MODENA = 0-3
(22-25, 23-25, 21-25)
PERUGIA: Atanasijevic 20, Anzani 8, Zaytsev 6, Russell 3, Podrascanin 2, De Cecco 2, Colaci (L), Della Lunga 1, Berger 4, Shaw, Cesarini. N.E. – Ricci, Andric. All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
MODENA
: Urnaut 13, Ngapeth E. 12, Sabbi 11, Mazzone 8, Holt 3, Mossa de Rezende, Rossini (L1), Argenta, Bossi. N.E. – Penchev, Pinali, Van Garderen, Ngapeth S., Tosi (L2). All. Radostin Stoytchev e Dario Simoni.
Note – Spettatori 4’059.
Duarata dei set: 33’, 32’, 29’.
Arbitri – Andrea Puecher (PD) e Daniele Rapisarda (UD).
SIR CONAD (b.s. 20, v. 2, muri 10, errori 8).
AZIMUT (b.s. 11, v. 3, muri 8, errori 9).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley dicembre 17, 2017 20:23