Simone Anzani: «Perugia deve avere fame»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 29, 2018 12:00
Anzani Simone (tricolore)

Simone Anzani (foto Michele Benda)

Era arrivato in punta di piedi, con l’umiltà di una persona che sa quale è il suo valore e vuole conquistare la ribalta, ma senza apparire presuntuoso. Era tra i più emozionati dopo la caduta a terra dell’ultima palla il centrale Simone Anzani che ha ammesso candidamente: «All’inizio si era messa un po’ male perché loro sembrano una squadra senza punti deboli. Era la mia seconda finale e sinceramente devo ammettere che avevo un po’ la tremarella ma peno sia normale. Poi pian piano mi sono sciolto, mi sono lasciato andare ed ho giocato. Vincere la coppa Italia davanti ad oltre cinquecento tifosi che hanno affrontato il lungo viaggio e fatto sacrifici per sostenerci lascia senza parole. Dedico la vittoria a mia mamma e mio papà che erano a bordo campo, oltre a mia sorella e alla mia fidanzata che non sono potute venire ed esserci. È il primo grande trofeo vinto dopo aver ingoiato tanti rospi, non mi sono mai arreso, non ho mai mollato e ce l’ho fatta. Adesso però andiamo avanti e non ci fermiamo perché ci sono altri obiettivi, dobbiamo continuare ad avere fame».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 29, 2018 12:00