Filippo Agostini: «Episodi sfavorevoli ma Spoleto c’è»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley febbraio 21, 2018 10:00
Agostini Filippo

Filippo Agostini (foto Michele Benda)

Ci è mancato davvero pochissimo parchè la Monini Spoleto sgambettasse, in appena sette giorni, le prime due forze di questa pool A, e invece gli episodi hanno condannato gli oleari a due sconfitte che lasciano sicuramente dell’amaro in bocca dal punto di vista del morale, ma che allo stesso tempo hanno mosso la classifica e lanciato un messaggio chiaro, questa squadra lotterà fino alla fine. Nel primo set contro la capolista Roma gli oleari hanno giocato forse la miglior pallavolo della stagione, nel secondo hanno reagito alla rimonta ospite mantenendo la lucidità necessaria nelle battute finali. Dal terzo in poi i capitolini sono cresciuti esponenzialmente soprattutto nei loro attaccanti di punta Snippe e Padura Diaz, che quando c’era da forzare il servizio non si sono fatti pregare. Ancora una volta la battuta è stata un fattore sfavorevole agli oleari, quattro a sette il conto degli ace, ma ancor più che il dato numerico impressiona il tempismo con cui sono arrivate i servizi vincenti degli ospiti, ossia quando Roma aveva due-tre punti da recuperare. In generale i numeri del match raccontano di una squadra gialloblu che ha attaccato e murato meglio degli avversari, 52% contro 46% e dodici contro nove, ma ricevuto peggio con il 39% di positività contro il 51% dei romani. Ivan Raic è risultato ancora il miglior realizzatore del match con ventotto palloni a terra di cui ventisei in attacco, uno a muro e uno al servizio. Va detto anche, ad onor del vero, che nei momenti topici degli ultimi tre set gli ospiti hanno difeso veramente molto bene. Capitan Antonio Corvetta ha detto: «Siamo stati bravi ad iniziare finalmente una partita in modo aggressivo nel nostro palazzetto, abbiamo lottato punto a punto fino alla fine contro la capolista, bravi loro quando hanno sfruttato il servizio e si sono superati in un paio di difese molto difficili nel finale. Questi due tie-break persi all’ultimo pallone ci fanno pensare che siamo sulla strada giusta, ma l’iniezione di fiducia di cui abbiamo bisogno arriverà, a mio avviso, quando vinceremo una partita». Sulla stessa lunghezza d’onda è lo schiacciatore Filippo Agostini, gettato nella mischia a più riprese da Monti soprattutto in seconda linea: «Intanto possiamo dire che rispetto al match di Santa Croce, dove abbiamo dovuto rincorrere, oggi abbiamo fatto gara di testa cominciando subito col giusto ritmo. Ci sta perdere con una squadra forte come Roma, non a caso è prima in classifica, però c’è qualche rammarico visto che abbiamo perso per un punto e con degli episodi sfavorevoli come il cartellino rosso esagerato nei confronti di Raic. Ripartiremo ancora una volta dalle tante cose positive che si sono viste». Sicuramente la miglior medicina per questa squadra, dopo le ottime prestazioni dal finale amaro con Santa Croce e con Roma, sarebbe una vittoria. L’occasione si presenterà sabato 24 febbraio a Grottazzolina contro il fanalino di coda del campionato ma, come la Monini, a caccia di punti e con attaccanti di grande valore come Salgado, Richards e Morelli che, da ex di turno, ci terrà sicuramente a fare una bella figura.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley febbraio 21, 2018 10:00