Lorenzo Bernardi: «Vittoria del gruppo per Perugia»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 30, 2018 10:00
Sir Safety Conad Perugia (tempo)

l’allenatore Lorenzo Bernardi fornisce istruzioni alla Sir Safety Conad Perugia durante una sospensione (foto Michele Benda)

Con il Giovedì Santo si conclude la Quaresima e termina il digiuno penitenziale. La Sir Safety Conad Perugia consuma il suo pasto e mette nello stomaco un punto prezioso nella serie della semifinale play-off. Il maestro Bernardi si mostra paziente con i suoi discepoli, una sorta di lavanda dei piedi che indica la retta via nel donarsi generosamente. Gli apostoli bianconeri accettano di buon grado il gesto e non tradiscono, rispondendo con una vittoria sofferta, ma pur sempre vittoria, su una Trento davvero cresciuta come era preventivabile. Una vittoria vale un punto e per l’allenatore Lorenzo Bernardi l’importante è aver raggiunto lo scopo: «A questi play-off siamo arrivati come squadra e come squadra stiamo giocando. È la dimostrazione che è il gruppo, la squadra che fanno vincere le lunghe serie e non un singolo giocatore. Le gare dei play-off sono così, belle se ne vedranno sempre meno perché c’è molta tensione, adrenalina. È stato importante vincere anche perché non eravamo al meglio con qualche giocatore che aveva qualche problema fisico. Dobbiamo recuperarli affrontando gara dopo gara con la giusta positività e con la consapevolezza che sarà una serie molto incerta». La gara-uno di semifinale va agli umbri che centrano la quinta vittoria su cinque sfide in stagione con i dolomitici. Un duello vissuto a stretto contatto di gomito anche dai presidenti-amici a bordo campo, Gino Sirci ammette di aver temuto un po’: «Abbiamo avuto molta paura perché loro hanno giocato con moltissima grinta, è stata una bellissima partita vista in compagnia del presidente Mosna, questo è il bello della pallavolo. La partita ci ha detto che Trento è veramente molto forte e che domenica ci sarà da tremare». Ad elogiare il collettivo perugino sono in tanti, non ultimo il centrale Marko Podrascanin: «Ormai continuiamo a dimostrare di essere un grande gruppo. E anche questa sera abbiamo sopperito bene alle difficoltà di qualche compagno non al meglio. Questa è solo la prima partita, avremo una serie molto lunga, siamo riusciti a difendere il vantaggio di giocare in casa ed adesso l’obiettivo è quello di fare una bella partita in casa loro in modo di andare sul due a zero e mettere tutta la pressione sulle loro spalle. Abbiamo giocato un’ottima pallavolo soprattutto considerando che Trento ha fatto una delle migliori partite della stagione. È stata una partita tosta e noi dovremo migliorare ancora qualcosa, Trento non ha nulla da perdere quindi dovremo dare qualcosa in più noi per cercare di prendere un break». Tra tanti campioni c’è anche una prima volta, è quella del centrale Simone Anzani che ammette: «È la mia prima semifinale play-off e me la immaginavo così. Trento durante l’anno ha avuto qualche difficoltà, ma stavolta ha dimostrato che ci può tenere testa alla grande e, se noi rallentiamo un attimo, ci sgambetta subito. Abbiamo rallentato un po’ nel secondo set e infatti lo abbiamo perso. Dopo siamo stati bravi, abbiamo reagito bene e anche se non siamo stati brillantissimi, siamo riusciti ad imporci. È un bilancio straordinario per questo gruppo, ma non dobbiamo fermarci perché abbiamo appuntamenti importanti da inseguire. Dobbiamo cercare di chiudere la serie in tre partite per poi andare a giocare il ritorno dei quarti di champions league a Novosibirsk, dall’altra parte del continente. Col tre a zero nella serie potremmo riposare in vista della finale scudetto. Sono contentissimo della vittoria». Inizia il Triduo pasquale, ossia i tre giorni nei quali si commemora passione, morte e risurrezione, ma la speranza dei Sirmaniaci è che nella domenica di Pasqua si possa scrivere una nuova pagina del Vangelo secondo Lorenzo.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 30, 2018 10:00