San Giustino si blocca sul più bello con Macerata

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 24, 2018 20:30
De Stefani Giorgia (muro)

Sia Coperture San Giustino a muro con la schiacciatrice Giorgia De Stefani (foto Marco Bigozzi)

Pur confermandosi protagonista la Sia Coperture San Giustino non riesce ad imporsi nello scontro diretto per i play-off di serie B1 femminile. Di fronte ai propri tifosi le biancoazzurre vanno avanti due set ma non ci credono fino in fondo e la Roana Cbf Macerata realizza una rimonta che sa di beffa. Le avvisaglie che la partita non sarebbe stata facile c’erano per un team altotiberino non al completo e sono state confermate dall’avvio disastroso del primo set ma poi la gara era stata messa sui giusti binari e comprendere come sia possibile aver gettato alle ortiche un doppio vantaggio è davvero difficile. Stante la squalifica di Tosti le padrone di casa cominciano con Fastellini sulla banda in diagonale a De Stefani, pronta in panchina c’è Casoli, ma la vera novità è il ritorno in divisa di Mirka Francia. In avvio c’è un po’ di confusione sul versante sangiustinese e le ospiti ne approfittano per andare al comando (5-13). La reazione si concretizza con Stincone in battuta e con Mezzasoma che propizia sette punti consecutivi riaprendo il set (12-13). Dura un attimo però perché le ospiti ripartono sfruttando le incertezze altrui in ricezione e riprendono coraggio (12-17). Poco dopo, sul 15-18 c’è l’esordio di Francia che va subito a segno ed infiamma la platea ma è solo dopo la chiusura del cambio con Fastellini che le altotiberine trovano il guizzo con De Stefani (sei colpi vincenti in apertura) per il rovesciamento (24-21). Tre palle set vengono sprecate, poi anche una quarta ma allo sprint l’errore di Bellucci libera l’urlo del vantaggio. Alla ripresa le locali partono ancora lente ma i tre punti di ritardo sono prontamente recuperati ed un nuovo turno di battuta velenoso, stavolta di Fastellini, procura cinque punti filati (11-7). Il muro biancoazzurro comincia a funzionare con Mearini che tocca tutti i palloni e rende duro il compito avversario scavando il solco (19-10). L’orgoglio di Rita interrompe un attimo ma poi Mezzasoma (altre sette palle a terra) diventa imprendibile ed il muro di Stincone rincara la dose. Nella terza frazione sono ancora le marchigiane ad uscire meglio dai blocchi con Pomili, il primo strappo è in attacco e viene ricucito subito, il secondo è dal servizio e porta sul 5-9. Torna un po’ di caos sul quadrato umbro e le distanze aumentano vorticosamente con undici errori umbri e con Rita che sale sugli scudi (11-20). Entra Leonardi al palleggio e Giuliani in battuta ma la situazione è disperata e le distanze si accorciano. Il quarto frangente di gioco è sbloccato da Mezzasoma che infila qualche pallone in attacco ma alle avversarie basta restare guardinghe per approfittare dei regali che piovono copiosi assestando un pesante sette a zero (10-15). Le occasioni per rientrare ci sarebbero ma vengono sprecate e tutto sembra ormai impossibile sul 16-22. A rimandare il verdetto è Grizzo. Al tie-break subito avanti di tre le ospiti, il gap è ridotto prima del cambio di campo (6-7). La tensione e la stanchezza si sentono e sul finale a fare la differenza sono gli errori, quelli maceratesi portano sul 9-9, quelli sangiustinesi sul 10-14. A completare la rimonta è il primo tempo di Rita che fa scorrere i titoli di coda.
SIA COPERTURE SAN GIUSTINO – ROANA CBF MACERATA = 2-3
(26-24, 25-14, 12-25, 20-25, 12-15)
SAN GIUSTINO: Mezzasoma 27, De Stefani 11, Fastellini 7, Mearini 6, Stincone 6, Iacobbi 4, Marinangeli (L), Francia 2, Giuliani, Leonardi. N.E. – Casoli. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.
MACERATA: Rita 20, Grizzo 14, Pomili 12, Di Marino 9, Peretti 7, Bellucci 4, Malavolta (L1), Patrassi, Armellini, Costagli, Giorgi, Barzetti (L2). N.E. – Grilli. All. Luca Paniconi e Michele Carancini.
Arbitri: Gianmarco Lentini e Denise Galletti.
SIA COPERTURE (b.s. 4, v. 3, muri 9, errori 33).
ROANA CBF (b.s. 9, v. 10, muri 10, errori 23).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 24, 2018 20:30