Lorenzo Bernardi: «Peccato per Perugia, ma sono i play-off»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 2, 2018 11:00
Sir Safety Conad Perugia (tempo)

l’allenatore Lorenzo Bernardi a colloquio con gli atleti della Sir Safety Conad Perugia durante un tempo (foto Michele Benda)

Dopo aver rimediato una cinquina Trento ha reagito d’orgoglio e davanti al suo pubblico ha portato un colpo ai fianchi della Sir Safety Conad Perugia pareggiando la serie della semifinale scudetto. Ora non contano più le vittorie di campionato, e nemmeno quelle di supercoppa e coppa Italia, ora contano solo i play-off, e per cantar vittoria contro l’avversaria bisogna vincere tre volte. La situazione è di uno pari, conta anche poco che i block-devils si siano arresi solo al tie-break, si torna in assoluto equilibrio, con la conferma che nella post season il fattore campo è importante. La buona presenza di pubblico sugli spalti nel giorno di Pasqua, è sintomo di un interesse vivo nell’ambiente delle schiacciate. Queste le parole del tecnico Lorenzo Bernardi al termine della seconda sfida: «Nell’economia della partita aver perso il primo set in quella maniera rocambolesca ha sicuramente pesato moltissimo. Sul 19-24 abbiamo subito un parziale di sette a zero, sicuramente è stato un momento decisivo della partita. Successivamente eravamo rientrati bene andando avanti due set ad uno mentre nel quarto set siamo partiti male ed abbiamo sprecato tante opportunità per fare punto e mostrare il nostro gioco. Questi sono i play-off, come ho sempre detto dobbiamo essere bravi a gestire le vittorie e al tempo stesso le sconfitte. Adesso c’è da riposare e recuperare le energie perché mercoledì abbiamo la gara di champions league contro Novosibirsk. Poi penseremo a sabato, il Pala-Evangelisti può darci una mano anche se l’ultima volta non era proprio gremitissimo. Noi ci prepareremo bene e sono sicuro che la squadra sarà pronta come lo era stavolta, non sono assolutamente preoccupato di questo, analizzeremo la partita ma mi pare abbastanza chiaro che siano state più le nostre responsabilità che non i meriti dell’avversaria. Nota lieta il rientro dello schiacciatore Aaron Russell che è un grandissimo giocatore e può fare la differenza nei momenti topici anche se è umano pure lui, per il momento dobbiamo ringraziare il lavoro che ha fatto Alexander Berger che ci ha dato una grossa mano nelle vittorie conseguite». Gli umbri sono mancati in continuità e sono stati costrette ad abdicare stavolta. C’è dispiacere tra i tifosi perugini che si aspettano sempre molto da tutti i giocatori che vengono chiamate in causa, ma bisogna ricordare che in questa fase si affrontano le squadre migliori e ciò che è successo durante l’anno non vale più nulla. Quello che potrebbe essere motivo di rammarico è aver gettato la possibilità di chiudere tre a zero la serie, evitando una pericolosa gara-quattro che si dovrà giocare subito dopo il faticoso e lungo viaggio a Novosibirsk. I russi tra l’altro, eliminati nei quarti di finale del campionato nazionale, sono giunti nel capoluogo umbro già da domenica e stanno preparando accuratamente il primo duello continentale coi perugini, un match nel quale ripongono tutte le loro residue speranze della stagione. Mercoledì 4 aprile alle ore 20,30 ci sarà bisogno di chiamare a raccolta tutti gli sportivi per spingere la squadra ad un nuovo successo.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 2, 2018 11:00