Perugia rallenta a Novosibirsk ma è in final four

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 11, 2018 17:00
Zaytsev Ivan (sfonda)

Sir Sicoma Colussi Perugia in attacco con lo schiaciatore Ivan Zaytsev che sfonda il muro avversario

Nella via transiberiana la Sir Sicoma Colussi Perugia sfreccia veloce e continua a godersi il viaggio senza fermarsi alle stazioni intermedie, il passaggio è puntuale ed il convoglio bianconero svolta per Kazan. La sconfitta in terra straniera regala un sorriso ai block-devils che hanno giocato la partita col lutto nel cuore per la perdita di Siro Mazzieri, personaggio storico della tifoseria che proprio ieri era venuto a mancare. A seguire la squadra stavolta non c’era la tifoseria ma la forza dei Sirmaniaci è arrivata a soffiare alle spalle dei bianconeri che vincendo due set hanno eliminato la Lokomotiv Novosibirsk. Superati i quarti di finale della champions league maschile la squadra del presidente Sirci entra tra le migliori quattro del continente e raggiunge l’epilogo della manifestazione più importante tra quelle riservate ai club. La partenza è sprint per i siberiani che schierano Pavlov da opposto e non sbagliano nulla (3-1). Gli umbri si rimboccano le maniche e con Atanasijevic va in progressione invertendo il punteggio (12-15).  L’ulteriore allungo arriva per opera delle bordate al servizio di Zaytsev che mette a terra sei punti personali (16-22). Il tentativo di recupero locale è tardivo contro una squadra che registra il 65% offensivo, un ace di Atanasijevic fissa l’uno a zero. Alla ripresa si combatte strenuamente e si avanza gomito a gomito (10-10). Qui è il turno di battuta di Podrascanin a sbloccare portando avanti di tre ma il gioco è intermittente e affiora qualche errore. I russi non demordono e tengono il fiato sul collo aspettando il momento buono (20-22). Il servizio di Kurkaev coincide con un passaggio a vuoto in ricezione e propizia cinque punti consecutivi sorpassando e pareggiando. L’occasione sfumata non deprime gli italiani ma carica i rivali che schierano Shcherbakov titolare e mettono grinta in campo neutralizzando i tentativi di fuga altrui (10-10). Russell sale di livello e favorisce un’accelerazione che porta avanti di quattro gli umbri ma poi ancora una volta i russi riescono a rientrare (14-15). Stavolta però non ci sono distrazioni, De Cecco orchestra bene i compagni e Atanasijevic scava il solco (15-21). C’è da attendere solo il punto che vale le finali, a chiuderlo è una pipe di Zaytsev. Con la qualificazione in tasca nel quarto periodo c’è subito spazio per Ricci al centro e Andric da opposto, il punteggio rimane in bilico sino al 5-4. Dall’altra parte della rete in regia c’è Lukyanenko che trova in Savin il terminale ideale per rompere l’inerzia e prendere il comando in modo deciso (17-12). La sentenza è rimandata. Al tie-break in campo ci sono tutte le seconde linee: Andric Berger, Della Lunga, Ricci, Siirila e Shaw. Si lotta spalla a spalla (10-9). Nel finale le sbavature sono letali e Novosibirsk vince. Una partita che i Sirmaniaci non hanno seguito, perché oggi erano tutti a dare il proprio saluto ad uno di loro, erano ad augurare buona trasferta a Siro che le final four le seguirà da una posizione privilegiata. Da oggi c’è una nuova stella in cielo che brilla e continua ad illuminare la via di Perugia.
LOKOMOTIV NOVOSIBIRSK – SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA = 3-2
(20-25, 25-22, 17-25, 25-21, 15-11)
NOVOSIBIRSK: Savin 16, Divis 13, Pavlov 12, Kurkaev 6, Eksi 2, Smolyar 1, Martynyiuk (L1), Nilsson 2, Shcherbakov 5, Tkachev 1, Lukyanenko 1, Golubev. N.E. – Rodichev, Andrievskii (L2). All. Plamen Konstantinov d Evgueny Mitkov.
PERUGIA: Atanasijevic 16, Zaytsev 13, Russell 10, Podrascanin 6, Anzani 6, De Cecco 1, Colaci (L), Andric 8, Berger 5, Ricci 4, Siirila 2, Shaw 1, Della Lunga 1, Cesarini (L2). All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
NOTE – Spettatori 2’500.
Durata dei set: 29’, 31’, 27’, 26’, 14’.
Arbitri – Kari Partiainen (FIN) e Lucian-Vasile Nastase (ROM).
LOKOMOTIV (b.s. 23, v. 5, muri 9, errori 8).
SIR SICOMA (b.s. 24, v. 9, muri 7, errori 19).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 11, 2018 17:00