Perugia vuole festeggiare il primo maggio a Civitanova Marche

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 30, 2018 13:00
Perugia-Civitanova (inno)

inno e bandiera davanti a Sir Safety Conad Perugia e Cucine Lube Civitanova nella finale scudetto (foto Michele Benda)

La Sir Safety Conad Perugia si carica per la quarta sfida della finale scudetto del campionato italiano maschile. Tutti abili ed arruolati per la partitissima del primo maggio che si gioca in trasferta al palasport Eurosuole Forum (ore 18) e con diretta televisiva su Rai Sport che diffonderà le immagini in tutto il pianeta. Si tratta della prima possibilità di chiudere il conto con la Cucine Lube Civitanova, un traguardo possibile ma ovviamente non proprio semplice da tagliare. Ci credono i tifosi che si preparano ad un nuovo viaggio della speranza, sono quattrocento i Sirmaniaci che raggiungeranno la costa adriatica per una scampagnata a sfondo sportivo che medita dei festeggiamenti di cui nessuno vuole ancora parlare. La pressione psicologica è tutta sopra i marchigiani che dopo l’ennesima sconfitta sono costretti ad appellarsi al proprio orgoglio per non uscire di scena e dichiarare fallimento del loro progetto milionario. I talenti della squadra diretta dall’allenatore Giampaolo Medei devono dimostrare di che pasta sono fatti e, soprattutto, se riusciranno a gestire l’enorme tensione interna che è stata accumulata. Nessuno vuole darsi per vinto contro un avversario che non era considerato più forte dei campioni d’Italia in carica, ma lo ha comprovato coi risultati della stagione regolare che ha visto i block-devils chiudere in vetta dopo avere comandato sempre la classifica. I padroni di casa sono tuttavia in grado di schierare una formazione base di straordinario spessore, a cominciare dal capitano Dragan Stankovic che per troppe volte è stato sacrificato in panchina per scelte che non erano strettamente dipendenti dal suo rendimento, se ci sarà lui tra i titolari dovrà essere necessariamente essere schierato lo schiacciatore Jiri Kovar che però ha paventato maggior instabilità. La coperta è lunga per i cucinieri, se una pedina comincia a sfarfallare hanno la possibilità di inserire elementi di altrettanta qualità cambiando assetto. Così il tecnico Lorenzo Bernardi alla vigilia: «Quella di domani è una partita da giocare sul campo, concentrandoci sulle cose che dobbiamo fare e lasciando fuori tutto ciò che può essere il contorno che non deve assolutamente distoglierci da quelle che sono le nostre priorità. Noi penseremo a giocare come abbiamo sempre fatto per tutto l’anno, poi come sempre sarà il campo a dare il verdetto finale. La differenza tra le due squadre è davvero minima e la faranno ancora una volta i dettagli». I problemi derivano proprio dal capire quale squadra si troverà di fronte per sapere quale strategia adottare. Un dubbio del tutto relativo visto che ormai ha studiato in lungo ed in largo tutte le alternative utilizzate dal nemico. Gli umbri, anche stavolta in maglia rossa, si preparano ad una nuova battaglia con la consapevolezza che sarà necessario mantenere sangue freddo, il primo che dovrà dare l’esempio è capitan Luciano De Cecco che dalla regia avrà il compito di infondere fiducia ai compagni, il secondo è lo schiacciatore Aaron Russell che deve dimostrare di essere quel fuoriclasse in grado di fare la differenza nei grandi appuntamenti. I precedenti che si sono disputati sino ad oggi, addirittura nove in questa stagione (trenta in totale), hanno evidenziato che se i civitanovesi sono messi sotto pressione, possono presentare qualche lato debole. I perugini dovranno essere bravi a sfruttare al massimo queste eventuali debolezze, qualora dovessero manifestarsi. Atanasijevic e Zaytsev sono maturi per la definitiva consacrazione, se si riuscisse a limitare la potenza della coppia Juantorena-Sokolov, un bel po’ di munizioni verrebbero sottratte all’artiglieria nemica. Ma il discorso è anche difensivo. Oltre che picchiare e murare, si dovrà ricevere e costruire con assoluta continuità, perché in una finale scudetto i passaggi a vuoto finiscono per essere pagati e a questi livelli, le possibilità di rimediare ad una situazione difficile sono fatalmente ridotte. Arbitri: Andrea Puecher (PD) e Fabrizio Pasquali (AP). Possibile formazione Civitanova Marche: in regia Christenson in diagonale a Sokolov, al centro Stankovic e Cester, di banda Juantorena e Kovar, libero Grebennikov. Probabile assetto Perugia: De Cecco in regia ed Atanasijevic opposto, Podrascanin ed Anzani in zona-tre, Zaytsev e Russell schiacciatori, Colaci libero.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 30, 2018 13:00