L’Umbria non ha più la promozione in serie C maschile

Pianeta Volley
By Pianeta Volley giugno 18, 2018 09:00
Fipav Umbria (scritta)

Fipav Umbria

La situazione per la pallavolo umbra non è bella, e ci potrebbero essere altre spiacevoli novità in futuro. La Federazione Italiana Pallavolo ha pubblicato infatti le nuove norme per la prossima stagione agonistica ed andando a leggere il contenuto c’è da stare poco allegri. La promozione diretta di una squadra del Cuore Verde d’Italia in un campionato nazionale potrebbe non esserci più nel settore maschile. Balza all’occhio subito il criterio minimo per organizzare i campionati regionali, a pagina 51 infatti c’è scritto che un comitato regionale per avere il diritto alla promozione deve organizzare un campionato di serie C di almeno dieci squadre e deve organizzare nella stessa stagione un campionato di serie D ed un campionato di prima divisione per un totale di almeno trenta squadre. Fa scalpore la decisione perché, stando ai numeri di quest’annata agonistica appena conclusa la promozione dell’Umbria non ci sarebbe più. L’anno scorso nella massima categoria umbra erano iscritte solo nove squadre e nella serie inferiore solo cinque, quattordici in totale. Nella prima divisione, con un artifizio creativo, erano state inserite le squadre giovanili. Se dunque il numero totale potrebbe essere rispettato, sono i dati relativi ai due campionati maggiori a non rispettare i requisiti. A pagina 53 dello stesso documento si evince che, in base ai parametri ottenuti dall’osservatorio nazionale sull’attività dell’ultimo anno, l’Umbria non ha più diritto alla promozione ma solo al ripescaggio. Un boccone davvero amaro da inghiottire per il movimento delle schiacciate del sesso forte che negli ultimi tempi non ha fatto nulla per essere rilanciato. Vale la pena di sottolineare che già nel 2013 era successa la stessa cosa ma con un colpo di coda la dirigenza era riuscita a recuperare la penalizzazione nei suoi confronti. Tutto cìò è ad ogni modo è conseguenza del cattivo lavoro portato avanti nei settori giovanili dove le società sportive che s’impegnano sono sempre poche e se non si tirano su nuove leve la conseguenza è che le squadre sono sempre meno e con età media sempre maggiore. Lo avevamo scritto nelle nostre cronache a più riprese negli ultimi anni, tornando sopra l’argomento nel 2017, facendo arrabbiare gli attuali dirigenti federali che durante una riunione con le associate aveva parlato di dati completamente opposti, ma quei dati dei tesserati ancora non sono stati pubblicati. Adesso staremo a vedere quali saranno le strategie che verranno adottate, nella speranza di un altro colpo di magia che possa recuperare un diritto che c’è da sempre, ma che ora l’Umbria non merita più.
Le principali norme della stagione 2018-2019

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley giugno 18, 2018 09:00