Filippo Lanza: «A Perugia c’è un gruppo di campioni umili»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 26, 2018 17:00
Lanza Filippo

Filippo Lanza (foto Michele Benda)

Come da consuetudine la Sir Safety Conad Perugia ha organizzato la conferenza stampa di presentazione della partita di superlega maschile. Domenica prossima sarà ospite Trento e per sviscerare le curiosità tecniche del confronto il microfono è stato lasciato allo schiacciatore Filippo Lanza, ex di turno, che ha dichiarato: «Domenica sarà un bell’esame per noi, abbiamo l’occasione di riscattare la sconfitta di supercoppa e di dimostrare chi siamo noi. Le prime due giornate abbiamo fatto bene ma ora arriva un test di altro calibro, dovremo dimostrare che il lavoro svolto in settimana sia stato fatto bene. Partita difficile di alto livello, noi ci impegneremo per fare il meglio possibile ma io sono fiducioso. A Perugia sto bene e sono riuscito a legare subito con i compagni e con la tifoseria, mi hanno tutti dimostrato grande affetto e io mi sto impegnando al massimo per ripagare tutti con buone prestazioni. Trento rappresenta il mio passato, una città che mi ha cresciuto e una società a cui devo tanto, ma giocarci contro non mi provoca una grande emozione, penso che sia solo una rivale da battere. Sto dando il massimo dalla mattina alla sera per migliorarmi, so che i margini sono ampi e sono consapevole che devo dimostrare tutto il mio valore. Voglio però precisare che non mi importa la prestazione personale, ciò che conta è solo la vittoria della squadra. Bisogna sempre pensare che c’è stato un grosso cambiamento dalla squadra rispetto alla scorsa stagione ed è necessario trovare nuovi equilibri. Le ultime due vittorie ci hanno dato una sicurezza in più, ci conosciamo meglio e ci alleniamo meglio, questo ci rende anche più cattivi e determinati in alcune situazioni di gioco. A parte Colaci non conoscevo personalmente nessuno, tutti i miei compagni, nessuno escluso, si sente superiore ad altri, c’è molta umiltà e in ogni allenamento c’è da imparare qualcosa. Credo che l’esperienza fa parte del bagaglio di un’atleta, il mio ruolo quest’anno è diverso da quello del passato, dovrei essere un uomo di equilibrio che si concentra più sulla seconda linea ma io mi rimetto in gioco partendo da zero per una sfida del tutto nuova. C’è tanta attesa per questa stagione ma i conti si fanno sempre alla fine, chiaro che sia una partita importante e di certo faremo di tutto per vincerla ma sarà molto complicata perché siamo solo all’inizio di un percorso e dovremo viverla con la massima concentrazione. Credo che la battuta sia fondamentale ma noi dovremo avere un buon cambio-palla per agevolare il nostro compito, se riceveremo bene potremo essere più incisivi ed è altrettanto importante di fare degli ace».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 26, 2018 17:00