C’è solo Perugia, trono saldo dopo la sberla a Modena

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 11, 2018 20:45
Leòn Wilfredo (attacco)

Sir Safety Conad Perugia in attacco con lo schiacciatore Wilfredo Leòn (foto Michele Benda)

Prova caparbia della Sir Safety Conad Perugia che costringe alla resa una delle sue bestie nere. La settima giornata di andata della superlega maschile vede i block-devils prevalere sulla Leo Shoes Azimut Modena ed è la prima volta dopo cinque anni. Ma le buone notizie non finiscono qui perché adesso la prima piazza della classifica è più solida che mai, e sono stati giocati tutti gli scontri diretti con le favorite. Le formazioni di partenza confermano le previsioni della vigilia e in campo vanno i giocatori più attesi. Al fischio d’inizio i padroni di casa mettono pressione con la battuta e con un Lanza subito in temperatura e prendono il largo (10-5). De Cecco serve poco Leòn, quasi a non volerlo consumare, gli emiliani non si perdono d’animo e prendono le misure a muro ricucendo lo strappo (14-12). Poco dopo Ricci mette a segno il primo muro perugino sbarrando la strada ad Anzani (18-14). Il gioco procede senza sussulti con il punto finale di Atanasijevic (colpo alla Vujevic) che inganna la difesa avversaria e sigla l’uno a zero. Alla ripresa il primo break avviene con capitan De Cecco dai nove metri ed il muro di Podrascanin che stampa Anzani (8-5). Christenson rimane vigile e si affida alla spalla calda di Urnaut che riporta in equilibrio (14-14). Leòn non sbaglia un colpo e nel turno da fondo campo spara una sassata che scrive il più due ma è immediatamente neutralizzato (20-20). Si arriva in volata e a risolvere è Lanza, sempre dalla battuta, il suo ace fa esplodere il palasport e vale il raddoppio. Nel terzo frangente gli ospiti rimangono sempre attaccati al match (11-11). La battuta si rivela fondamentale ago della bilancia, quella di Christenson e di Kaliberda fa scappare a più quattro, quella di Atanasijevic che mette tre ace riaggancia (18-18). È l’orgoglio di Zaytsev a tenere in vita i gialloblu, suo anche il punto che riduce le distanze. Quarto periodo che si sblocca sulla battuta di Leòn, tre ace, che manda Perugia sull’8-4. La superiorità è manifesta anche con De Cecco che fa girare tutti i compagni a meraviglia (14-10). Entra Bednorz ma la sterzata non c’è e Lanza chiude anche la partita con un’altra battuta fotonica.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA – AZIMUT LEO SHOES MODENA = 3-1
(25-22, 25-22, 23-25, 25-16)
PERUGIA: Leòn 25, Atanasijevic 21, Lanza 10, Podrascanin 7, Ricci 8, De Cecco 1, Colaci (L1), Della Lunga, Seif, Galassi. N.E. – Hoogendoorn, Gabriele, Piccinelli (L2). All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
MODENA
: Urnaut 17, Zaytsev 15, Holt 13, Kaliberda 7, Anzani 3, Christenson 2, Rossini (L1), Bednorz 3, Mazzone. N.E. – Pinali, Pierotti, Van Der Ent, Keemink, Benvenuti (L2). All. Julio Velasco e Luca Cantagalli.
Note – Spettatori 3’976.
Duarata dei set: 26’, 28’, 32’, 29’.
Arbitri – Daniele Rapisarda (UD) ed Andrea Puecher (PD).
SIR CONAD (b.s. 22, v. 14, muri 6, errori 3).
AZIMUT LEO (b.s. 20, v. 7, muri 6, errori 6).

https://www.youtube.com/watch?v=EW_WiSPXbt8

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 11, 2018 20:45