Per Monteluce vittoria fondamentale con Andria

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 10, 2019 00:30
Tini-Padella-Marta (muro)

Strike Team Monteluce a muro con Alberto Tini, Federico Padella e Gianmarco Marta (foto Andrea Aglieco)

Un match sofferto, che prima sembrava vinto, poi perso, ed infine è stato ripreso per i capelli, regala due punti alla Strike Team Monteluce che torna ad affermarsi e a muovere la classifica nel campionato di serie B maschile. Di fronte al pubblico amico la squadra biancorossa compie un passo avanti nel cammino verso la salvezza ed allunga sulla zona a rischio, tenendo a distanza la sorprendente maglia nera che incamera sorprendentemente un punto. Ci sono voluti cinque set dispendiosi sul piano mentale per domare la Florigel Andria ma è venuta fuori la grande determinazione dei grifoni che hanno dovuto arginare lo straordinario Carelli per andare a trionfare. Dopo due set dominati sin troppo agevolmente dai padroni di casa è tornato fuori l’orgoglio dei pugliesi che sono cresciuti andando ad impattare. Al tie-break la situazione è sembrata compromessa sul 9-13, ma qui un colpo di coda di Carbone ha rovesciato e Polidori è andato a chiudere tra l’entusiasmo dei tifosi.
STRIKE TEAM MONTELUCE – FLORIGEL ANDRIA = 3-2
(25-17, 25-14, 20-25, 19-25, 17-15)
MONTELUCE: Carbone 22, Tini 20, Polidori 17, Padella 11, Servettini 6, Bregliozzi 4, Margaritelli (L1), Marta 1. N.E. – Arcangeli, Giglio, Marani, Brizioli, Corzani, Moscioni (L2). All. Paolo De Paolis.
ANDRIA: Carelli 31, Andriano 13, Porro 10, Caldarola 7, Paradiso 3, Bernardi G. 3, Pepe (L1), Rubino 2, Cripezzi A. 1, Cripezzi G., Losito (L2). N.E. – Bernardi I., Di Renzo. All. Antonio Pepe.
Arbitri: Simone Chirieletti e Francesco Aiello.
STRIKE TEAM (b.s. 9, v. 7, muri 10, errori 17).
FLORIGEL (b.s. 8, v. 3, muri 20, errori 17).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 10, 2019 00:30
Write a comment

No Comments

No Comments Yet!

Let me tell You a sad story ! There are no comments yet, but You can be first one to comment this article.

Write a comment
View comments

Write a comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*