Al palasport scoperto un rito propiziatorio per la finale scudetto

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 14, 2019 14:00
Pala-Barton (allestimento)

una immagine del palasport di Perugia allestito per il grande evento (foto Michele Benda)

Se parlate con una persona qualsiasi dell’ambiente sportivo, nessuno vi dirà che la ripetizione di determinati gesti possa influenzare una prestazione, ancor meno un risultato, ma è altrettanto certo che di stranezze ne sentirete tante. Napoli fa scuola, terra fertile per l’industria della scaramanzia. C’è l’imbarazzo della scelta. Ai tempi della mitica Sirio Perugia che aveva vinto tutto insuperabile era il rito del sale col quale veniva cosparso lo spogliatoio avversario prima delle gare, operazione non assidua ma che veniva recuperata in occasione delle finali scudetto. Stavolta invece è stato un tifoso marchigiano a cercare di scongiurare il peggio disseminando un po’ dappertutto (non si sa mai) pacchi di sale in ogni angolo del Pala-Barton. A scoprirlo è stato stamattina il direttore sportivo Stefano Recine che ha interrotto la complicata procedura accompagnandolo all’uscita. I tifosi, quelli veri, non sono da meno, da oltre un decennio alcuni di essi mantengono gli stessi posti al Palasport, e guai a toccarglieli. Sei italiani su dieci credono negli astri, nei cornetti e nel malocchio, anche se gli esperti del settore non gradiscono l’abbinamento astrologia-superstizione, ritenendo che quella dello zodiaco sia una scienza esatta, o quasi. A sorpresa, i più scaramantici sono i manager, che battono casalinghe e pensionati. Il 16% di essi dichiara di essere molto superstizioso, il 43% abbastanza. Tra le casalinghe, invece, una su tre ha affermato di non credere per nulla ad astri e previsioni. Gli italiani si riconfermano comunque popolo di superstiziosi. Sono molte le persone che prima di prendere una decisione importante si affidano a riti scaramantici o ai consigli di maghi e cartomanti. In particolare il 42% prima di affrontare una situazione cruciale ripete sempre le stesse azioni. Insomma, non c’è da meravigliarsi.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 14, 2019 14:00