Perugia – Civitanova Marche: chi vince ride

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 13, 2019 13:00
Perugia-Civitanova (inno)

Sir Safety Conad Perugia e Cucine Lube Civitanova schierate in campo prima del fischio d’inizio (foto Michele Benda)

Siamo nuovamente alla resa dei conti. È martedì 14 maggio la giornata prestabilita dal calendario per assegnare il 74° scudetto tricolore. Al termine di un percorso durato esattamente sette mesi (era il 14 ottobre quando si disputò la prima giornata di campionato), e di trentacinque partite, la superlega maschile deciderà a chi assegnare il trofeo nazionale più importante ed ambito. Un percorso nel quale ci sono state altre due partite di supercoppa italiana, tre di coppa Italia e dieci di champions league, per un totale di cinquantacinque gare ufficiali (una media di quasi otto partite al mese). Un concentrato di impegni che non hanno concesso pausa alcuna nell’ultimo periodo e che impongono ora alle sfidanti di stringere i denti. La Sir Safety Conad Perugia arriva all’appuntamento con una record stagionale fatto di 41 successi e 13 sconfitte. Manca un risultato da aggiungere alla statistica e lo si conoscerà dopo le ore 20,30 quando al palasport di Pian di Massiano sarà dato il fischio d’inizio al match dell’anno (diretta televisiva su Rai Sport). Sino a quel momento la città tratterrà il respiro, poi, in un arco temporale di circa due ore, sarà dato sfogo al più pazzo e delirante tifo che si possa fare. I quattromila in possesso del biglietto per accomodarsi a bordo campo sono pronti a spingere i block-devils verso il loro secondo scudetto. L’obiettivo di questa gara-cinque, spareggio senza appello, è identico anche alla Cucine Lube Civitanova che troverà un ambiente sportivamente assai ostile. Il fattore campo è stato decisivo sino ad ora, è sicuramente un piccolo vantaggio, ma per vincere i bianconeri dovranno mettere in campo una prova migliore dei rivali che sono senza dubbio assai forti e pronti a farsi valere. I padroni di casa possono fare leva anche sulla grande esperienza del tecnico Lorenzo Bernardi, uno che di queste situazioni ne ha affrontate e vinte tante nella sua carriera da giocatore, uno che ha sempre detto: « Non vivo per battere i record ma per inseguire nuovi traguardi. Sono orgoglioso di poter allenare una squadra come la nostra. Dei giocatori che non smettono mai di crederci, che quando sembra tutto finito riescono a trovare le risorse necessarie per rientrare in partita». I marchigiani da parte loro sono affidati alle cure di coach Ferdinando De Giorgi che di esperienza ne ha altrettanta in campo da atleta e che come il collega ha vinto in panchina un campionato. Il fatto di non essere mai riusciti a violare la tana nemica durante l’anno ora non ha più alcun significato perché la formazione più costosa ed attrezzata del panorama non può permettersi il lusso di rimediare la terza figuraccia consecutiva in trasferta. I Sirmaniaci sono al lavoro per rendere la coreografia ancora più accattivavante rispetto alle scorse partite, con la solita originale punta di sfottò. La curva è pronta ad urlare e cantare fin da quando la squadra farà il suo ingresso in campo. Sarà pronta a farsi sentire, specie se i perugini si troveranno in difficoltà, perché quando si vince sono tutti bravi ad urlare. Tutti gli sportivi che hanno a cuore le sorti del team perugino indosseranno una maglietta bianca, simbolo della coesione e della peculiarità di un ideale che si estende a tutto il territorio regionale. Ma ad onor del vero, come per tutte le squadre che cominciano a vincere troppo, saranno in tanti anche a gufare perché il sogno non si concretizzi. Impossibile fare un pronostico, anche i bookmakers hanno avuto difficoltà a proporre delle quote ma pagano di meno la vittoria di Perugia (1,5) rispetto a quella di Civitanova Marche (2,5). Tra le mura amiche gli uomini del presidente Sirci troveranno di nuovo i loro punti di riferimento, importantissimi per la battuta che sarà come sempre il fondamentale più importante. Le porte del palasport apriranno i battenti dalle ore 19 per permettere il ritiro degli accrediti e favorire l’afflusso del pubblico. Per gli amanti dei numeri è questo il nono duello stagionale tra le antagoniste, il quarantunesimo confronto diretto della loro storia. Sarà una partita da brividi… e decisiva anche per i destini di molti protagonisti. Chi vince ride, chi perde piange. Arbitreranno l’incontro i fischietti Daniele Rapisarda (UD) ed Andrea Puecher (PD). Probabili titolari Perugia: De Cecco in regia ed Atanasijevic a chiudere la diagonale di posto-due, Podrascanin e Ricci al centro, Leòn e Lanza schiacciatori, Colaci libero. Possibile assetto Civitanova Marche: ad alzare Mossa de Rezende, opposto Sokolov, in zona-tre Cester e Simon, di banda Juantorena e Leal, libero Balaso.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 13, 2019 13:00