Stefano Recine: «Nessuna sorpresa, scudetto alla bella»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 12, 2019 11:30
Recine Stefano (intervistato)

Stefano Recine (foto Daniele Pochini)

Squadra difficile da capire quella della Sir Safety Conad Perugia, capace di trasformarsi ed involversi nel giro di pochi giorni e contro lo stesso avversario. Che ci potesse stare di perdere in trasferta era logico, ma che i bianconeri passassero da un tre a zero ad uno zero a tre non era previsto né prevedibile. Insomma, pare proprio che sfatare il tabù lontano da casa sia una missione impossibile per i block-devils. L’appuntamento è rimandato al prossimo anno ma adesso c’è da confermare la buona serie tra le mura amiche che sarebbe sufficiente per conquistare la corona tricolore. Deluso a fine gara il centrale Fabio Ricci che ha detto: «Non riusciamo ad esprime un buon gioco in trasferta. Abbiamo giocato una brutta pallavolo e loro sono stati superiori in tutti i fondamentali, il risultato parla chiaro. Martedì c’è gara-cinque in casa nostra e lavoreremo per farla andare diversamente rispetto a questa quarta sfida. Entrambe le squadre vogliono vincere ed entrambe avranno la pressione addosso, sarà una partita da gestire bene psicologicamente». Così il direttore sportivo Stefano Recine: «Civitanova Marche in casa sua è riuscita ad esprimere tutte le qualità dei propri giocatori, e quando una squadra di questo livello riesce a fare tutto bene non è assolutamente da sorprendersi sul fatto che la serie sia tornata nuovamente in equilibrio». Questo il pensiero del centrale Marko Podrascanin: «Un risultato inaspettato. È brutto da dire ma abbiamo giocato male. I nostri avversari erano costretti a fare la miglior partita per vincere ed hanno azzeccato tutto, noi invece non siamo mai riusciti a prendere il ritmo. Anche se eravamo avanti inizialmente abbiamo subito in ricezione prendendo tre–quattro ace che per noi è strano. La nostra battuta invece non è andata bene e si è fatta sentire la loro qualità. Si va alla quinta partita, ma credo in fondo sia giusto così, stiamo parlando di due grandissime squadre che hanno fatto meglio delle altre in questa stagione. Cancelliamo questa prestazione e mettiamo tutto quello che abbiamo per la gara che chiude il campionato». Ci mette la faccia come al solito il libero Massimo Colaci: «Hanno vinto nettamente la sfida tra battuta e ricezione, loro hanno servito molto meglio e ci hanno messo in grossa difficoltà e di conseguenza il cambio palla ha mancato di fluidità e non ha funzionato, noi non siamo stati efficaci e loro hanno ricevuto bene. Questa è stata la chiave della partita. Ora è semplicissimo, dopo gara-quattro c’è gara-cinque. Siamo delusi e arrabbiati, ma sappiamo bene che quando si perde bisogna gettarsi alle spalle la sconfitta e pensare alla prossima, Sicuramente analizzeremo le cose che non sono andate ma dobbiamo guardare avanti perché c’è uno scudetto da vincere. Martedì ci sarà il palasport dalla nostra parte pronto ad aiutarci ma saremo noi che dovremo trascinarlo giocando meglio di quanto abbiamo fatto sabato, i punti dobbiamo farli noi». Anche lo schiacciatore Filippo Lanza si mostra sicuro nel giudizio: «Hanno battuto meglio e ci hanno messo in difficoltà nella fase di cambio-palla, la serie al servizio di Simon è stata la chiave, da lì abbiamo perso tranquillità ed abbiamo giocato una brutta pallavolo. Li aspetteremo martedì, sarà quella la nostra occasione di riscatto, non ci resta che prepararci bene. Sarà una partita tutta da giocare, non c’è pronostico e non conta nulla quello che è stato fatto sino ad ora. Sarà da dimostrare sul campo chi è il migliore, i civitanovesi verranno a Perugia sapendo che sarà l’ultima partita, quindi o la va o la spacca».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 12, 2019 11:30