A Perugia è riscatto per gli uomini che piegano Verona

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 27, 2019 20:00
Ricci Fabio (attacco)

Sir Safety Conad Perugia in attacco con il centrale Fabio Ricci (foto Michele Benda)

Non fa sconti la Sir Safety Conad Perugia che nella seconda giornata di superlega maschile si aggiudica un duello atteso. La sfida interna non è spettacolare ma concreta per i bianconeri che fanno quanto serve per costringere alla resa la Calzedonia Verona. A fare la differenza in favore dei block-devils è stato il martello Atanasijevic per lunghi tratti inarrestabile e premiato con la nomina di miglior giocatore della partita. Tra gli scaligeri da sottolineare la prova di Boyer che nei fondamentali offensivi ha mostrato un grande repertorio. Ha pesato nell’economia del gioco umbro la prova del muro con otto punti, di cui tre di Russo. In partenza non c’è Podrascanin che si è bloccato alla schiena e così coach Heynen utilizza il modulo più italiano degli ultimi tempi con Russo e Ricci al centro, Lanza di banda e Colaci libero, solo tre gli stranieri in campo. La concentrazione è altissima per i padroni di casa che forzano in battuta e scappano via rapidamente sul 12-5. Boyer è l’unica vera insidia ma De Cecco tiene tutti sulla corda e l’attacco umbro diventa inarrestabile con Leòn (sei volte a segno col 75%) che spara fucilate micidiali ed aumenta la cadenza (20-11). C’è solo da attendere la fine del set che arriva su primo tempo di Ricci. Alla ripresa è ancora Leòn a sotto i riflettori con un turno di battuta che sblocca (4-1). Dalla parte opposta della rete comincia a carburare Asparuhov che avvia il recupero fino quasi a completarlo (14-13). In un’azione prolungata ricade male Leòn che si tocca la caviglia sinistra, prontamente assistito dallo staff medico il cubano rimane ancora un po’ in campo prima di lasciare il posto a Plotnytskyi (20-16). Nel finale non c’è alcuna sorpresa con Atanasijevic perfetto in fase offensiva (otto punti e 89%) e con l’ingresso di Zhukouski che mette a segno l’ace del due a zero. Nella terza frazione Plotnytskyi resta in campo, c’è più equilibrio con le squadre che rimangono a braccetto sino al 10-10. Si scatena Lanza che spedisce avanti di quattro e rende inutili gli ingressi in successione dei veneti (21-16). Si attende il punto della vittoria che arriva con il muro di Ricci.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CALZEDONIA VERONA = 3-0
(25-16, 25-20, 25-18)
PERUGIA
: Atanasijevic 17, Leon 11, Russo 8, Ricci 5, Lanza 7, De Cecco 1, Colaci (L1), Plotnytskyi 3, Zhukouski 1, Hoogendoorn, Piccinelli. N.E. – Taht, Montanaro, Benedicenti (L2). All. Vital Heynen e Carmine Fontana.
VERONA
: Boyer 14, Asparuhov 9, Solé 5, Cester 5, Marretta 2, Spirito, Donati (L2), Bonami (L1), Birarelli, Franciskovic, Chavers. N.E. – Zanotti, Muagututia, Kluth. All. Radostin Stoytchev e Dario Simoni.
NOTE – Spettatori 2’873.
Durata dei set: 25’, 30’, 25’.
Arbitri – Stefano Cesare (RM) e Rossella Piana (MO).
SIR CONAD (b.s. 8, v. 5, muri 8, errori 8).
CALZEDONIA (b.s. 15, v. 1, muri 3, errori 7).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 27, 2019 20:00