Città di Castello fa suo il derby umbro a Monteluce

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 20, 2019 00:15
Giglio-Zangarelli (muro)

Monteluce in attacco con Diego Staccini e Città di Castello a muro con Mattia Giglio e Nico Zangarelli (foto Andrea Aglieco)

C’è l’urlo della Job Italia Città di Castello nel primo derby umbro di serie B maschile. Manca ancora il bel gioco ma la tempra compensa ampiamente la mancanza di fluidità e lo si vede nel finale di quarto set, quando ormai pare spacciata ma con un colpo di coda rovescia la situazione. Mastica amaro la Promovideo Monteluce che, malgrado le pesanti defezioni, ha sprecato la sua occasione ed è stata duramente punita. Inizio equilibrato con la prima accelerazione operata da Corzani che trova subito le misure a muro (10-6). Le distanze permangono con Cittadino che risponde a Marino a suon di ace (18-13). Anche Cherubini si accoda con un turno al servizio che causa problemi e ricuce (19-18). Nel finale i locali approfittano di qualche errore altrui e l’ace di Palmigiani vale il vantaggio. Alla ripresa c’è la reazione ospite che sblocca subito (1-6). La ricezione perugina salta e il solco si amplia con Cherubini che incide (4-12). Franceschini comincia a carburare in attacco (sei palle a terra) e mantiene avanti i suoi (10-19). Tutto facile sino al pareggio firmato da un muro di Zangarelli. Nel terzo parziale punteggio in bilico con Polidori (avrà cinque colpi vincenti) e Fuganti in evidenza (7-7). Sale in cattedra Cittadino che trascina i padroni di casa sul 18-13. Il gap non viene recuperato ed è ancora Cittadino a mettere giù il punto del due a uno. Quarto periodo con avanzamento ad elastico, i tifernati vanno avanti di quattro lunghezze prima di essere riacciuffati (9-9). In seguito paiono avere il fiato corto, Montacci rileva Marino ma Monteluce scappa con Tini in serie positiva (17-12). Il gioco cala d’intensità da ambo i lati della rete e la gara sembra non avere più molto da raccontare (21-16). Improvvisamente cambia l’inerzia, il margine si annulla grazie ai muri del neoentrato Marini (22-22), allo sprint Fuganti Pedoni (sei volte a segno) piazza l’ace che rimanda la sentenza. Al tie-break Città di Castello sfrutta i regali avversari, i padroni di casa reggono sino al 6-7, poi si disuniscono e perdono una partita che avevano già vinto al quarto set. L’attacco in primo tempo di Zangarelli fa esplodere di gioia gli ospiti.
PROMOVIDEO MONTELUCE – JOB ITALIA CITTÀ DI CASTELLO = 2-3
(25-20, 11-25, 25-18, 24-26, 12-15)
MONTELUCE: Cittadino 18, Polidori 12, Tini 10, Corzani 6, Staccini 5, Palmigiani 5, Ferraro (L). N.E. – Cecchini, Cappannelli, Pasquantonio, Dazzini (L2). All. Paolo De Paolis.
CITTÀ DI CASTELLO: Franceschini 20, Fuganti Pedoni 19, Cherubini 12, Zangarelli 10, Marino 5, Giglio 2, Cioffi (L), Marini 2, Montacci 1, Cipriani. N.E. – Celestini, Pitocchi, Cesari, Camilletti. All Marco Bartolini.
Arbitri: Mario Scarpitta e Sonia Pinto.
PROMOVIDEO (b.s. 14, v. 5, muri 13, errori 19).
JOB ITALIA (b.s. 12, v. 7, muri 11, errori 29).

https://www.youtube.com/watch?v=SdCmW8f1YIc

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 20, 2019 00:15