Perugia suda parecchio ma vince a Varsavia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 17 Dicembre, 2019 22:30
Plotnytsky Oleh (piazza)

Sir Sicoma Monini Perugia in attacco con Oleh Plotnytskyi

Non è stato facile per la Sir Sicoma Monini Perugia che ha disputato una partita a corrente alternata superando l’avversaria internazionale di turno e raccogliendo il terzo successo. Ha venduto cara la pelle la Verva Warszawa Orlen Paliwa che, pur giocando una partita ricca di agonismo, non ha potuto fare a meno di portare rispetto ai vice campioni italiani. Procede bene dunque la champions league per gli uomini del presidente Gino Sirci, entusiasta per la prestazione dei suoi ragazzi e per la presenza di un drappello di tifosi che hanno affrontato la trasferta continentale. Tre punti che consentono agli umbri di rimanere a punteggio pieno solitari in testa alla classifica del proprio girone al termine dell’andata. Parte male il sestetto ospite che sbaglia molto in battuta e subisce anche una decisione arbitrale avversa, Heynen protesta e ricorre subito al challenge (5-3). Ci vuole un po’ per prendere i giri ma il muro comincia a carburare e De Cecco insiste su Plotnytskyi che rovescia il punteggio (13-15). Sospinti da un Leòn (sette colpi vincenti) implacabile gli umbri prendono il largo (14-21). Le sostituzioni altrui con Grobelny e Kròl che scendono in campo non servono, a chiudere è Plotnyskyi. Si riprende con due ace di Plotnytskyi e poco dopo uno di Leòn chef anno saltare la ricezione locale (5-8). Gli oltre cinquemila tifosi polacchi alzano il volume facendo reagire Tillie che cresce di livello e spinge alla parità (11-11). Si avanza gomito a gomito per un po’ con i perugini molto fallosi (saranno ben undici gli errori) ed Heynen decide di inserire Zhukouski in regia per un paio di scambi (18-18). Kwolek adesso è inarrestabile e contagia i compagni che trovano il break (21-19). Nel finale Perugia ritrova la parità ma poi la riperde ed è il pareggio. Partenza a razzo degli italiani nella terza frazione, due muri consecutivi di Plotnytskyi aprono il varco (1-5). I padroni di casa si rimboccano le maniche con Niemiec, pian piano recuperano ed azionano la freccia sul turno al servizio di Brizard (11-10). Atanasijevic soffre, mai così poco incisivo (29% in attacco nel secondo set e addirittura 0% nel terzo), ci pensa allora Leòn a tirare fuori dal cilindro degli attacchi pregevoli per il controsorpasso (12-14). Il momento è topico e la panchina perugina sostituisce la diagonale di posto-due, vengono gettati nella mischia Zhukoski ed Hoogendoorn, il primo prende un muro subito bissato da Podrascanin (16-21). La firma sul due a uno è di Russo servito magistralmente da un invenzione di De Cecco. Quarto frangente con Hoogendoorn che resta in campo, sono però i varsaviani a tentare la fuga (9-5). Fa la sua apparizione in campo anche Lanza mentre Atanasijevic riprende il suo posto e comincia la rimonta che consente di rimettere il naso avanti (16-17). Nel finale due palle match vengono annullate a Perugia che risolve col muro di De Cecco.
VERVA WARSZAWA ORLEN PALIWA SIR SICOMA MONINI PERUGIA = 1-3
(17-25, 25-23, 21-25, 24-26)
VARSAVIA: Kwolek 14, Niemiec 10, Nowakowski 9, Brizard 7, Udrys 7, Tillie 6, Wojtaszek (L1), Grobelny , Kròl , Kowalczyk, Kozlowski , N.E. – Ról, Wrona, Kopysc, Jaglarski (L2). All. Andrea Anastasi e Karol Redzioch.
PERUGIA: Leòn 25, Plotnytskyi 16, Podrascanin 11, Atanasijevic 10, Russo 4, De Cecco 1, Colaci (L1), Lanza 1, Zhukouski 1, Hoogendoorn, Taht, Piccinelli. N.E. – Biglino, Ricci (L2). All. Vital Heynen e Carmine Fontana.
NOTE – Spettatori 5’500.
Durata dei set: 25’, 29’, 29’, 31’.
Arbitri – Erdal Akinci (TUR) e Wim Cambrè (BEL).
VERVA (b.s. 20, v. 5, muri 6, errori 10).
SICOMA (b.s. 21, v. 4, muri 9, errori 11).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 17 Dicembre, 2019 22:30